Utenti collegati: 30 
 
it.discussioni.energia
Energia e dintorni

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Roberto Deboni DMIsr  Mostra tutti i messaggi di Roberto Deboni DMIsr
Titolo: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
Newsgroup: it.discussioni.energia
Data: 03/01/2018
Ora: 09:48:05
Mostra headers
 
  Ho trovato finalmente nel sito AEEGSI le informazioni<br /> riguardo alla tollerenza di potenza ENEL di cui<br /> all'accordo del 2002 con le associazioni di consumatori:<br /> <br /> &lt;https://www.autorita.energia.it/it/docs/dc/15/034-15.jsp><br /> <br /> In questo documento di consultazione 34/2015/R/eel<br /> <br /> &lt;https://www.autorita.energia.it/allegati/docs/15/034-15.pdf><br /> <br /> leggiamo a pagina 38<br /> <br /> 8.3 - Nel febbraio 2003, in occasione dell&rsquo;installazione massiva<br /> dei contatori elettronici, Enel Spa stipul&ograve; con le<br /> principali associazioni di consumatori un accordo volontario,<br /> in base al quale venne adattata la soglia di tolleranza del<br /> limitatore di potenza in modo che i nuovi contatori non<br /> costituissero un ostacolo al prelievo secondo le abitudini<br /> consolidate. In base alle informazioni fornite in proposito<br /> da Enel Distribuzione all&rsquo;Autorit&agrave;, tale accordo prevede che<br /> in tutti i misuratori installati da Enel Distribuzione non<br /> solo presso i clienti domestici ma anche non domestici con<br /> misuratore monofase e limitazione di potenza (ovvero, con<br /> potenza contrattualmente impegnata fino a 10 kW, salvo casi<br /> particolari come ad esempio le forniture per gli ascensori<br /> a cui la limitazione non si applica per motivi di sicurezza)<br /> viene consentito un prelievo fino a +27% (rispetto alla<br /> potenza disponibile) per una durata massima di tre ore<br /> (ovvero, per una fornitura con potenza contrattualmente<br /> impegnata di 3 kW, fino a 4,2 kW per tre ore).<br /> <br /> [ndr: in realta' sui pieghevoli ENEL Distribuzione si legge 4 kW<br /> e non 4,2 kW, ma per le 3 ore corrisponde]<br /> <br /> 8.4 - Dalle informazioni raccolte finora risulta che siano numerose<br /> le altre imprese di distribuzione che hanno adottato la<br /> medesima configurazione della tolleranza del imitatore di<br /> potenza definita da Enel Distribuzione; nel complesso oltre<br /> il 95% dei clienti domestici italiani &egrave; in questa condizione.<br /> Tale approccio non &egrave; tuttavia condiviso da tutte le imprese;<br /> in particolare, &egrave; diversa la logica di intervento del limitatore<br /> per i contatori di Acea Distribuzione e di alcune imprese<br /> distributrici locali che utilizzano il medesimo apparato.<br /> <br /> [ndr: Acea usa un misuratore svizzero della Landis e Gyr]<br /> <br /> 8.5 - Attualmente, dunque, la situazione di fatto della limitazione<br /> di potenza non &egrave; omogenea sull&rsquo;intero territorio nazionale.<br /> ... omissis ...<br /> <br /> ed e' qui che alza la brutta testa della logica fascistoide.<br /> Il fatto che ci siano consumatori che hanno una opzione ed<br /> altri no, spinge il fascista a forzare tutti allo stesso livello,<br /> a costo di abbassare tutti al minimo comune denominatore.<br /> (tutti a 3,3 kW per 24h, senza bonus) Come scrivo tante volte,<br /> il fascista e' quello che ha paura che &quot;gli altri&quot; si divertano<br /> troppo quando lui non c'e'.<br /> <br /> 8.6 - La situazione di fatto attuale, quantunque articolata in due<br /> varianti tra loro diverse, rappresenta un oggettivo beneficio<br /> a favore della stragrande maggioranza dei clienti finali, il<br /> quale nel corso degli anni ha interiorizzato nei propri<br /> comportamenti di consumo le &ldquo;logiche di sgancio&rdquo; che<br /> effettivamente sono state implementate, logiche che sono (in<br /> particolare quella implementata nel misuratore &ldquo;tipo Enel&rdquo;)<br /> lasche in termini di limiti alla potenza effettivamente<br /> prelevabile e che inevitabilmente comportano un costo a<br /> livello di sistema. Come noto, infatti, la potenza di prelievo<br /> (insieme al fattore di contemporaneit&agrave; dei prelievi) &egrave; un<br /> elemento cruciale nel dimensionamento delle reti di<br /> distribuzione, specie a bassa tensione, ed &egrave; quindi, come gi&agrave;<br /> evidenziato nei precedenti capitoli, un fattore rilevante<br /> nella determinazione del costo finale della rete stessa.<br /> <br /> Peccato che le tariffe di potenza italiane sono cosi' care che<br /> sono uguali al costo di ammortamento anche di micro-impianto<br /> domestico di generazione elettrica totalmente autonomo (quindi<br /> anche perdendo i fattori di scala che avantaggiano i grossi<br /> produttori).<br /> <br /> Inoltre, se e' vero che il Landis e Gyr di ACEA non dava questo<br /> &quot;bonus&quot;, e' anche vero che in cambio permetteva una opzione,<br /> lungamente richiesta ad ENEL (e che forse con Open Meter<br /> finalmente si avra' ... quando arriva il benedetto aggiornamento<br /> software nei prossimi non meglio definito numero di anni ..)<br /> e cioe' quella di fare la lettura del contatore in remoto,<br /> senza scendere in un oscuro, gelido, umido scantinato.<br /> Mi riferisco all' &quot;AceaLink&quot;, gia' citato nel gruppo<br /> it.hobby.fai-da-te il 1 marzo 2012:<br /> <br /> &quot;Lettura a distanza contatori Enel&quot;<br /> <br /> Message-ID: &lt;R6WdnUPdNqzmC8zSnZ2dnUVZ8kKdnZ2d@giganews.com&gt;<br /> <br /> Ebbene, non mi pare che AEEGSI abbia mai lamentato questo<br /> privilegio dei romani con ACEA Distribuzione. Cosa e'<br /> invidia di chi vive a Roma ? (come lo sono i burocrati<br /> che lavorano ad AEEGSI)<br /> <br /> Nel seguito del documento fanno alcune opzioni, alcune<br /> interessanti, altre proprio no (senza pero' toccare la<br /> vera questione: la &quot;potenza&quot; in Italia costa troppo cara).<br /> <br /> Nella nota relativa si legge:<br /> <br /> &quot;Le informazioni qui riportate derivano da primi incontri con i<br /> principali operatori. Il comportamento descritto con riferimento<br /> alla potenza contrattualmente impegnata di 3 kW &egrave; comune anche<br /> agli altri valori di potenza contrattualmente impegnata in presenza<br /> di limitatore (fino a 10 kW).&quot;<br /> <br /> Pare quindi confermato il dubbio di chi supponeva che tale incremento<br /> del 20%-27% valesse anche per potenze superiori (come dire che un<br /> 6 kW puo' erogare 8 kW per tre ore, etc.).<br /> <br /> &quot;La durata di tre ore per la tolleranza di +27% (rispetto alla<br /> potenza disponibile) implementata sui misuratori di Enel va ben<br /> oltre i transitori di breve durata dovuti all&rsquo;avviamento di motori,<br /> e risulta invece collegata alla durata degli interi cicli di<br /> funzionamento tipici dei grandi elettrodomestici come la lavatrice<br /> e la lavastoviglie (3 ore non sono relative ai soli cicli termici<br /> ma coprono abbondantemente il ciclo intero). Si rinvia<br /> all&rsquo;Appendice C per i dettagli tecnici delle &ldquo;logiche di sgancio&rdquo;<br /> del limitatore.<br /> <br /> L'Appendice C si trova a pagina 66 e descrive nel dettaglio<br /> l'algoritmo come noto all'AEEGSI ed usato da ENEL ed altri:<br /> <br /> <br /> Con riferimento alla potenza contrattuale di 3 kW (e potenza<br /> disponibile pari a 3,3 kW) le logiche implementate nel misuratore<br /> installato da Enel Distribuzione ed altre imprese distributrici<br /> risultano essere le seguenti:<br /> <br /> &bull; &egrave; consentito un prelievo di potenza pari a 3,3 kW per un tempo<br /> illimitato;<br /> <br /> &bull; &egrave; consentito un prelievo medio di potenza fino al 27% circa in<br /> pi&ugrave; della potenza disponibile (4,2 kW) calcolata come valor medio<br /> su un intervallo di 2 minuti: il superamento di tale valore<br /> determina l&rsquo;intervento del limitatore e la conseguente interruzione<br /> dell&rsquo;alimentazione dell&rsquo;utente;<br /> <br /> &bull; qualora si abbia un prelievo medio superiore al livello della<br /> potenza disponibile (3,3 kW), ma inferiore 4,2 kW in un intervallo<br /> di 2 minuti, il misuratore attiva una temporizzazione di 90 minuti<br /> durante la quale il valore medio della potenza prelevata (media<br /> calcolata sui 90 minuti) pu&ograve; mantenersi tra 3,3 e 4,2 kW, fermo<br /> restando che il superamento di una potenza di 4,2 kW mediata su<br /> 2 minuti determina comunque l&rsquo;intervento del limitatore dopo i due<br /> minuti medesimi;<br /> <br /> &bull; successivamente ai predetti 90 minuti, qualora la potenza media sia<br /> stata compresa tra 3,3 kW e 4,2 kW, sono resi disponibili ulteriori<br /> 90 minuti tali da consentire nuovamente un valor di potenza prelevata<br /> compreso tra 3,3 e 4,2 kW, fermo restando che il superamento di una<br /> potenza di 4,2 kW mediata su 2 minuti determina comunque l&rsquo;intervento<br /> del limitatore dopo i due minuti medesimi;<br /> <br /> &bull; qualora, al termine del secondo intervallo di 90 minuti, la potenza<br /> media prelevata nel medesimo intervallo sia compresa tra 3,3 kW e<br /> 4,2 kW, si ha l&rsquo;intervento del limitatore e la conseguente<br /> interruzione dell&rsquo;alimentazione dell&rsquo;utente;<br /> <br /> &bull; qualora invece, al termine del primo o del secondo intervallo di<br /> 90 minuti, la potenza media prelevata nel medesimo intervallo sia<br /> inferiore a 3,3 kW, il misuratore si ricolloca nella situazione<br /> iniziale ed &egrave; predisposto per l&rsquo;eventuale attivazione dei transitori<br /> di possibile sovraccarico.<br /> <br /> La durata degli intervalli di tempo durante i quali sono misurati<br /> i prelievi medi rilevanti per l&rsquo;attivazione dei meccanismi di<br /> sganciamento (2 minuti e 90 minuti) sono programmabili in modo<br /> indipendente tra di essi.<br /> <br /> <br /> [ndr: quindi le tre ore di supero fino a 4 kW sarebbero il risultato<br /> di due periodi di 1 ora e mezza, ovvero due frazioni sole.]<br /> <br /> Sull'argomento poi l'AEEGSI torna nella Relazione 389/2015/I/com<br /> <br /> &lt;https://www.autorita.energia.it/it/pubblicazioni/altre_pubblicaz.htm><br /> <br /> e selezionando il 2015:<br /> <br /> &lt;https://www.autorita.energia.it/allegati/docs/15/389-15.pdf><br /> <br /> dove a pagina 43 leggiamo che se oggi il 90% delle famiglie<br /> italiane ha i 3 kW di potenza e' anche perche' grazie alle<br /> tre ore di tolleranza a 4,2 kW riesce a fare a meno di un<br /> passaggio superiore (a 4,5 kW ?).<br /> <br /> La proposta dell'AEEGSI e':<br /> <br /> &quot;L&rsquo;Autorit&agrave; ritiene auspicabile giungere a una tendenziale<br /> omogeneit&agrave; di trattamento dei clienti finali con la medesima<br /> potenza contrattualmente impegnata, indipendentemente dal<br /> distributore alle reti del quale sono connessi, avendo<br /> particolare cura per l&rsquo;aspetto della consapevolezza della<br /> scelta del consumatore, in modo tale che quest&rsquo;ultimo possa<br /> agevolmente individuare il livello di potenza pi&ugrave; adeguato alle proprie <br /> necessit&agrave;. Al riguardo, la consultazione delinea il possibile<br /> aumento del costo unitario attribuito alla potenza impegnata,<br /> anche in ragione del fatto che esso rappresenta il principale<br /> fattore che determina i costi di rete. Pertanto, la scelta del<br /> livello ottimale di potenza impegnata contrattualmente diviene<br /> elemento significativo anche ai fini di possibili aggiustamenti<br /> del livello di potenza sia in aumento (per permettere l'utilizzo<br /> contemporaneo di nuovi apparecchi), sia in diminuzione (con il<br /> vantaggio di ridurre la spesa annuale per coloro i quali non<br /> abbiano esigenze particolari di contemporaneit&agrave; dei prelievi).&quot;<br /> <br /> L'unica cosa che ho capito e' che vogliono aumentare il<br /> costo unitario di potenza. Come infatti hanno fatto,<br /> oggi cosa il doppio del 2015 !!! E' cosi' che hanno voluto<br /> &quot;omogeneizzare&quot; i 4 kW per tutti ?<br /> <br /> O qualcuno ha capito altro di quello che c'e' scritto sopra ?  

Il thread:
da leggere Roberto Deboni DMIsr 03/01 09:48
AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
   da leggere Roberto Deboni DMIsr 03/01 09:49
Re: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
      da leggere Renato_VBI 03/01 11:47
Re: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
         da leggere Roberto Deboni DMIsr 03/01 17:12
Re: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
   da leggere GIulia 03/01 16:22
Re: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
      da leggere e7o7 03/01 20:42
Re: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
         da leggere Roberto Deboni DMIsr 03/01 21:27
Re: AEEGSI trama per fregare i milioni clienti dei 3 kW
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere piďż˝ volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links