Utenti collegati: 25 
 
it.cultura.filosofia.moderato
Il piacere della filosofia

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Loris Dalla Rosa  Mostra tutti i messaggi di Loris Dalla Rosa
Titolo: Leibniz vs Leibnitz
Newsgroup: it.cultura.filosofia.moderato
Data: 10/11/2017
Ora: 15:42:44
Mostra headers
 
  Ancora oggi alcuni testi si ostinano a chiamare Leibniz &quot;Leibnitz&quot;, con <br /> quella &quot;t&quot; in piu' che ai fisici, e non solo a loro, richiama <br /> immediatamente il &quot;tempo&quot;, che ricorre insistentemente nelle loro <br /> equazioni. Narra una leggenda che fu proprio lui, Leibnitz, a liberarsi <br /> da quella &quot;t&quot;, e che lo fece in polemica con Newton, scrollandosi cosi' <br /> di dosso quella concezione del tempo che fu invenzione newtoniana, agli <br /> antipodi della concezione del tempo cosi' come lo defini' Aristotele(*) <br /> e che ebbe lunga tradizione fino appunto a Newton. Quest'ultimo infatti, <br /> in netta contrapposizione con l'idea che il tempo sia intrinsecamente <br /> connesso al mutamento delle cose (senza tale mutamento delle cose il <br /> tempo non esisterebbe), concepi' il tempo come oggettivo: un tempo <br /> &quot;vero&quot;, assoluto, che passa lo stesso indipendentemente dalle cose e dal <br /> loro accadere; il tempo &quot;matematico&quot; di cui non si ha esperienza e che <br /> compare nelle equazioni della fisica che abbiamo imparato a scuola.<br /> Non e' che Leibni(t)z, toltosi quella &quot;t&quot; troppo newtoniana, fosse un <br /> precursore di Einstein; al contrario, difendeva la concezione <br /> tradizionale risalente ad Aristotele, che pero' da' piu' torto a Newton <br /> e piu' ragione ad Einstein, nel negare l'esistenza di un tempo assoluto. <br /> Ancor piu': Newton ha &quot;rettificato&quot; il tempo, facendone lo scorrere <br /> senza soluzione di continuita' lungo la &quot;freccia del tempo&quot; della sua <br /> rappresentazione; mentre per la tradizione non c'era tempo senza il <br /> ciclico *ritorno* a uno stesso stato dello strumento che lo misura. Come <br /> per esempio in una meridiana, per la quale un ciclo temporale e' passato <br /> quando la sua ombra e' tornata a segnare il mezzogiorno. Un *ciclo* <br /> temporale, ho detto, per alludere al problema della circolarita' o meno <br /> del tempo. Su questo, piu' che Einstein, e' Goedel a dare torto a <br /> Newton, avendo dedotto dalle equazioni einsteiniane la circolarita' del <br /> tempo (e chissa' se evocare Goedel tentera' l'amico Omega a rientrare <br /> nel gruppo...:-)). La questione e' discutibile, ma e' comunque certo che <br /> il tempo non e', perlomeno, misurabile senza una circolarita', materiale <br /> o logica, dello strumento di misura. Proprio come per quella <br /> tradizionale meridiana, per la quale non c'e' ne' il tempo ne' la sua <br /> misura, se le cose non mutano e la sua ombra non ritorna eternamente sul <br /> suo mezzogiorno. Newton aveva torto a pensare che il tempo corre <br /> indifferente, anche se fuori tutto e' immobile, non soffia nemmeno un <br /> alito di vento, non si muove nemmeno una foglia... e nemmeno un moto <br /> dell'anima increspa il torpore della nostra indifferenza. Non c'e' tempo <br /> se qualcosa non si muove e la meridiana non ritorna su se stessa nel suo <br /> eterno mezzogiono, non c'e' tempo che fugge all'aperto se non c'e' <br /> eternita' che tornando in se stessa lo misura. E allora chi non vorrebbe <br /> essere nella metafora della meridiana? Certo, anche nel declino del <br /> pomeriggio, nel dolore del tramonto, nell'orrore della notte... ma nello <br /> splendore del suo mezzogiorno. Allora quello che rimane da dire e' la <br /> domanda inevasa di un suggestivo aforisma di Nietzsche.<br /> Un saluto,<br /> Loris<br /> <br /> (*) Il tempo e' &lt;&lt;numero del cambiamento, rispetto al prima e al dopo&gt;&gt; <br /> (Fisica, IV, 219 b 2)  

Il thread:
da leggere Loris Dalla Rosa 10/11 15:42
Leibniz vs Leibnitz
   da leggere marvas73@gmail.com 10/11 18:14
Leibniz vs Leibnitz
      da leggere Loris Dalla Rosa 13/11 00:30
Re: Leibniz vs Leibnitz
   da leggere Loris Dalla Rosa 13/11 11:42
Re: Leibniz vs Leibnitz
      da leggere rawmode 13/11 13:28
Re: Leibniz vs Leibnitz
         da leggere rawmode 13/11 17:21
Re: Leibniz vs Leibnitz
         da leggere Loris Dalla Rosa 13/11 23:55
Re: Leibniz vs Leibnitz
            da leggere rawmode 14/11 07:52
Re: Leibniz vs Leibnitz
               da leggere Loris Dalla Rosa 14/11 11:47
Re: Leibniz vs Leibnitz
                  da leggere rawmode 14/11 13:49
Re: Leibniz vs Leibnitz
                     da leggere Loris Dalla Rosa 14/11 14:48
Re: Leibniz vs Leibnitz
   da leggere Massimo 456b 15/11 11:23
Re: Leibniz vs Leibnitz
      da leggere 234 15/11 17:03
Re: Leibniz vs Leibnitz
         da leggere Massimo 456b 15/11 18:33
Re: Leibniz vs Leibnitz
            da leggere 234 16/11 07:32
Re: Leibniz vs Leibnitz
               da leggere Massimo 456b 16/11 09:19
Re: Leibniz vs Leibnitz
                  da leggere 234 17/11 08:23
Re: Leibniz vs Leibnitz
                     da leggere Massimo 456b 17/11 14:31
Re: Leibniz vs Leibnitz
      da leggere Loris Dalla Rosa 17/11 15:20
[MOD]Re: Leibniz vs Leibnitz
         da leggere Massimo 456b 17/11 15:51
Re: [MOD]Re: Leibniz vs Leibnitz
            da leggere thisdeadboy@gmail.com 18/11 16:19
Re: [MOD]Re: Leibniz vs Leibnitz
               da leggere Massimo456b 18/11 17:48
Re: [MOD]Re: Leibniz vs Leibnitz
                  da leggere thisdeadboy@gmail.com 19/11 10:40
Re: [MOD]Re: Leibniz vs Leibnitz
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links