Utenti collegati: 33 
 
it.sport.atletica
L'atletica leggera vista dagli appassionati

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: megaMAX  Mostra tutti i messaggi di megaMAX
Titolo: Trail e ginocchia (lungo e doloroso)
Newsgroup: it.sport.atletica
Data: 17/10/2017
Ora: 16:55:31
Mostra headers
 
  Ciao a tutti,<br /> allora: il mio recente amore per il trail si sta scontrando con LE <br /> GINOCCHIA.<br /> <br /> Da un paio d'anni mi alleno pi&ugrave; spesso fuoristrada e faccio un po' di <br /> gare, ma quest'anno ho intensificato. Diciamo che da primavera a <br /> quest'estate ho fatto tutti i weekend almeno una gara o un allenamento <br /> da 20-25km medi (massimo 30km diciamo), dislivello ragionevole. In pi&ugrave;, <br /> 1-2 allenamenti di corsa su asfalto alla settimana. Per cui, decisamente <br /> allenato. Diciamo che la discesa, forse anche per il peso non ottimale <br /> (72-73kg x 170cm) non era il massimo ma non ho mai avuto il bench&eacute; <br /> minimo problema se non DOMS classici.<br /> <br /> Poi quest'estate, come scrivevo, ho fatto 2 settimane intense: <br /> allenamenti e camminate praticamente tutti i giorni, spesso con zaino, <br /> con buoni dislivelli. Il macello &egrave; che dal primo giorno delle vacanze ho <br /> anche cambiato scarpe passando da delle schifosissime Decathlon da trail <br /> che non mi hanno MAI dato problemi, a delle belle (sulla carta) Salomon <br /> X-Ultra che sono dei cuscini viaggianti sopratutto su pietraie <br /> impegnative. Per&ograve;.<br /> <br /> Bene: fatto sta che da pochi giorni dall'inizio vacanze/cambio scarpe ho <br /> avuto crescenti e PESANTISSIMI problemi alle ginocchia. Entrambe. <br /> Ovunque. Sopra, sotto, di fianco, a destra a sinistra, davanti e dietro. <br /> Sopra e sotto la rotula. TUTTO. Uniforme. Solo in discesa.<br /> <br /> La cosa &egrave; stata in crescendo, dai primi giorni fino alla (pen)ultima <br /> gara fatta che purtroppo era la MAGA Race con 25km e &quot;solo&quot; 1400m <br /> positivi ma la BELLEZZA di 2200 metri negativi. Ho fatto gli ultimi 15km <br /> letteralmente PIANGENDO lacrime vere dal dolore (solo in discesa) <br /> appoggiato alle racchette il pi&ugrave; possibile. Da allora ho smesso <br /> totalmente di andare in montagna tranne un esperimento Domenica.<br /> <br /> Morale: tolta l'infiammazione iniziale, in pianura NON HO IL MINIMO <br /> PROBLEMA. Nemmeno in salita. E guardando la gara di Domenica scorsa <br /> (21km trail collinare con 600m di dislivello), nessun problema neanche <br /> nelle salite corribili velocemente con fondo ragionevolmente dissestato.<br /> <br /> Quello che vorrei capire, in base anche alla VOSTRA esperienza, &egrave; quanto <br /> questi fattori possano essere determinanti, e se ci sono tecniche, <br /> materiali, strategie migliori:<br /> <br /> 1) DISCESA RIPIDA: la discesa dove non puoi correre ma devi saltellare <br /> per me &egrave; sempre e comunque devastante. Non so se sono le scarpe, la <br /> tecnica, i muscoli ma a parte essere passato a raffica anche da vecchi <br /> paralitici che corrono a 12'/km, soffro ogni singolo passo. Anche prima <br /> di avvertire dolore, comunque &egrave; sia psicologicamente che fisicamente una <br /> sofferenza. Sbaglio qualcosa? Tecnica? Cosa fate voi? Io cerco di <br /> correre anche in discesa di avampiede, ma appena diventa ripido penso <br /> sia inevitabile atterrare di tallone. E per velocizzare, vedo che non ho <br /> altro modo di aumentare tantissimo la frequenza tallonando molto molto <br /> rapidamente. Anche in caso di discesa non ripidissima ma non corribile, <br /> il modo migliore per non perdere terreno &egrave; di lavorare di tallonate <br /> brevissime e di lavoro eccentrico devastante per i quadricipiti (e per <br /> le ginocchia immagino). Sbaglio qualcosa? Come fate? Come fanno quelle <br /> cazzo di gazzelle che mi volano intorno come delle cazzo di farfalle <br /> dandomi ore di distacco e mandando in fumo la salita dove li stacco? Non <br /> &egrave; paura, sono un pazzo in generale venendo da sci, snowboard, moto, bici <br /> etc.<br /> <br /> 2) SCARPE: in fin dei conti, una massacrante discesa Capanna <br /> Margherita-Gressoney da quasi 2000m D- &egrave; stata massacrante ma ginocchia <br /> zero o quasi. S&igrave;, lavoro eccentrico, quadricipiti in fiamme per due <br /> giorni ma poi ginocchia poco e niente. Invece cambiate le scarpe... <br /> disastro totale. Ovvio che non le user&ograve; mai pi&ugrave; e pian piano riprender&ograve; <br /> a provare in gare di trail con discese serie, ma anche Domenica in 21km <br /> un po' di discese ripide e brevi ce n'erano, ma DOMS da urlare ancora <br /> oggi ma ginocchia 100 OK. Sar&agrave; solo quello?<br /> <br /> Insomma, ogni aiuto, suggerimento e conforto per una Ginocchina <br /> Disperata (semi-cit.) &egrave; benvenuto...<br /> <br /> <br /> -- <br /> &quot;...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo <br /> il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni <br /> di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento&quot; (Mau)  

Il thread:
da leggere megaMAX 17/10 16:55
Trail e ginocchia (lungo e doloroso)
   da leggere Sergio Rossi 18/10 13:29
Re: Trail e ginocchia (lungo e doloroso)
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links