Utenti collegati: 25 
 
it.arti.scrivere
Scritti inediti e consigli per gli autori

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: danca (Daniele Campagna)  Mostra tutti i messaggi di danca (Daniele Campagna)
Titolo: Re: [Cronache di animali] - cani venatici
Newsgroup: it.arti.scrivere
Data: 22/07/2017
Ora: 15:14:52
Mostra headers
 
  Il 07/20/2017 07:46 PM, Soviet_Mario ha scritto:<br /> &gt; On 20/07/2017 14.15, danca (Daniele Campagna) wrote:<br /> &gt;&gt; Il 07/18/2017 08:41 PM, Soviet_Mario ha scritto:<br /> &gt;&gt;&gt;<br /> &gt;&gt;<br /> &gt;&gt; Ti sbagliavi di grosso. I cani da caccia non sono aggressivi verso gli<br /> &gt;&gt; umani. Punto.<br /> &gt;<br /> &gt; oh, quelli inizialmente lo manifestavano. Inoltre imho dai un peso<br /> &gt; eccessivo ad una mia mera deduzione : che quei cani fossero da caccia.<br /> &gt; Non c'era nessun cacciatore, non avevano campanellini o altro, e non<br /> &gt; erano nemmeno di razza uniforme.<br /> &gt; Poi qui dalle mie zone da caccia si usano cani da riporto per i volatili<br /> &gt; (mai visto terrier ad es.), e pochissimi mute da cinghiale, che<br /> &gt; generalmente sono almeno il doppio di 4 o 5.<br /> &gt;<br /> <br /> Ah beh, questo cambia alquanto. Inoltre dopo aver scritto mi sono anche <br /> reso conto di un'altra cosa, ossia del fatto che cani randagi in branco <br /> cambiano completamente il loro carattere, cio&egrave; la &quot;logica del branco&quot; <br /> prevale, e anche i cani da caccia possono diventare pericolosi. Per&ograve; <br /> quelli erano un &quot;gruppo&quot; di cani, non un &quot;branco selvaggio&quot;, quindi la <br /> precisazione non si applica al tuo caso. La riporto per completezza.<br /> <br /> &gt;<br /> &gt; si per&ograve; non ci fissiamo su un particolare ipotizzato. Ho detto io da<br /> &gt; caccia, perch&eacute; uno o due era uno spinone (che nessuno usa da caccia<br /> &gt; qui), ma gli altri ad es. mi parevano razze &quot;da pastore&quot;. Per inciso il<br /> &gt; &quot;docile&quot; maremmano negli anni novanta mi ha attaccato e quasi<br /> &gt; disarcionato dal motorino strappandomi i pantaloni e la classica fettina<br /> &gt; di culo. Ed &egrave; un cane da pastore, anche se &egrave; una razza infida come poche.<br /> &gt;<br /> <br /> Non ho conosciuto di persona i cani da pastore, suppongo che siano cani <br /> abbastanza &quot;grezzi&quot;, cio&egrave; con molta dimestichezza all'ambiente aperto e <br /> poca con le case degli umani. Ho avuto a che fare con Pastori <br /> Bergamaschi, quei cosi lanosi che sembrano animali di pelouche e di cui <br /> non si vedono nemmeno gli occhi. Quelli sono adattabilissimi <br /> all'ambiente umano, e piuttosto mansueti. Per i cani da pastore veri, <br /> non fatico a credere che possano essere mordaci.<br /> <br /> &gt;<br /> &gt;&gt; zanne scoperte,<br /> &gt;<br /> &gt; non ricordo se sono arrivati a mostrarmi i denti, credo si siano<br /> &gt; ammansiti prima di decidere per la fase finale.<br /> &gt;<br /> &gt; Ad ogni modo questo che dici non &egrave; un atteggiamento comune a tutte le<br /> &gt; razze, ma ad es. al tedesco ed altri che danno preavvisi.<br /> &gt; Ho conosciuto almeno 4 doberman diversi che non ne davano nessuno,<br /> &gt; neppure l'abbaio. Si mettevano al galoppo nel silenzio assoluto e<br /> &gt; saltavano cercando di beccarti in gola. Uno era il custode della<br /> &gt; palestra dove andavo da giovane, che faceva strage di gatti e qualsiasi<br /> &gt; cosa (lo teneva pure a stecchetto). Mi ha fatto prendere la cacarola<br /> &gt; mille volte, e solo una mi sono vendicato una volta che si era<br /> &gt; infiltrato in sala pesi (ad insaputa del padrone) e mi guardava<br /> &gt; sospettoso mentre lento lento protendevo la punta del bilancere lungo<br /> &gt; come per fargliela annusare. Parlando quieto come faceva sempre lui. Poi<br /> &gt; ops, un colpetto tra labbro e gengive. Minchia ha tirato un cristo<br /> &gt; lacerante ed &egrave; svanito. Dopo mi sono guardato le spalle anche peggio di<br /> &gt; prima. Era una mina vagante, ma stronzo forte. Mai sentito ringhiare o<br /> &gt; abbaiare. Se ti pinzava, era contento cos&igrave;<br /> <br /> Ho conosciuto due Dobermann, che erano l'antitesi di quello che di <br /> solito si pensa di questi cagnoni. Erano mansuetissimi. Tuttavia sono <br /> cani da guardia e tanto sono mansueti verso padroni e famigliari, quanto <br /> diventano incazzosi se pensano che un estraneo violi il territorio o <br /> minacci i padroni (e famigliari). L'attacco senza preavviso di solito a <br /> quanto ne so &egrave; frutto dell'addestramento, ma davvero non saprei. Sono <br /> cani &quot;estremi&quot;, come saprai frutto di incroci, un po' costruiti in <br /> laboratorio se vogliamo.<br /> <br /> Per i cani da caccia, tornando a bomba, ho avuto maggiori <br /> frequentazioni: Noi avevamo un Bretone Epagneul (spero si scriva cos&igrave;), <br /> e ho avuto a che fare con bracchi, setter, pointer, spinoni (un certo <br /> Gnek, cane di stupidit&agrave; abissale, tutto istinto e latrati notturni, <br /> impossibile da educare. Gran bravo cacciatore, per&ograve;, e bonaccione).<br /> Erano tutti esuberanti e caciaroni, ma non aggressivi.<br /> <br /> &gt;<br /> &gt;&gt; Attaccano come i canidi &quot;veri&quot;, quindi ti avrebbero probabilmente<br /> &gt;&gt; salvato gli abiti pesanti e la tua stazza, ma<br /> &gt;<br /> &gt; no, non sono grosso. Poi dipende, gi&agrave; sei o sette ti prendono se sanno<br /> &gt; attaccare bene. E' da vedere l'addestramento per&ograve;. Perch&eacute; come ne vedi<br /> &gt; un paio che rimangono a terra a guaire o proprio fermi, non &egrave; detto che<br /> &gt; il coraggio rimanga inalterato<br /> <br /> Ah! Ah! Sapendo che sei vegano, immaginavo che non potessi essere <br /> &quot;grosso&quot;, nel senso per esempio di mio cuggino, 110 Kg. x 1.80 (per&ograve; si <br /> &egrave; messo a dieta, adesso deve veleggiare intorno ai 95, bont&agrave; sua). Ma ti <br /> attribuirei comunque almeno 60 Kg, alla val&agrave;-che-vai-bene.<br /> <br /> Aneddoto (siamo pur sempre in it-arti-scrivere)<br /> <br /> Il mio timido amico Francesco (per gli amici strettissimi Franz), <br /> professore, intellettuale, docente (e come scoprii in seguito <br /> affascinato dalla figura di Franz Knecht, vedi &quot;Il gioco delle perle di <br /> vetro&quot; di Hesse, da cui forse il suo soprannome), alto, magro e <br /> allampanato, decise un giorno di costruirsi muscolacci poderosi e prese <br /> a frequentare una palestra comunale a costo zero. Pr chi non lo sapesse, <br /> si pu&ograve; fare, non &egrave; obbligatorio il personal trainer e una retta mensile <br /> significativa.<br /> Ivi soggiornava spesso, e si allenava duramente, un omino di un metro e <br /> sessanta circa, chiamato misteriosamente &quot;David&quot;, mentre probabilmente <br /> aveva tutt'altro nome.<br /> Mi convinsi una volta ad andare alla palestra (mi pare fosse il Seini, a <br /> Milano), per qualche seduta di prova.<br /> Per intenderci, l&igrave; non si faceva culturismo, si faceva &quot;pesi&quot;.<br /> Cio&egrave; tu chiedevi a uno: &quot;Tu fai pesi?&quot; e significava che stavi chiedendo <br /> se uno si sforzava di sollevare, spingere, o come lo si vuole chiamare, <br /> pesi assurdi. Nessun vero interesse per la massa muscolare in quanto <br /> tale, a meri fini estetici. Se l&igrave; ti costruivi muscoli, erano dinamite, <br /> dinamite vera. Non c'era nessuno che si volesse pompare di muscoli <br /> fasulli con ormoni, steroidi o anche con il trucchetto di <br /> tante-ripetizioni-con-pesi-leggeri per aumentare la massa, eran tutti <br /> onesti spingitori dediti al massimo alla bistecca &quot;perch&eacute; ci ha le <br /> proteine&quot;.<br /> <br /> Il culturismo, che oggi ahim&eacute; si chiama Body Building, ed &egrave; la peggior <br /> merda che si possa immaginare, doveva ancora nascere, come tutte le <br /> scorciatoie che oggi sono cos&igrave; comuni, per esempio il Viagra. Ai tempi, <br /> o ne avevi, o non ne avevi, niente trucchi.<br /> Va beh, bei tempi (per chi ne aveva).<br /> <br /> Insomma la faccio breve, io arrivai quando &quot;David&quot; stava staccando, e <br /> quindi ci incrociammo negli spogliatoi. Aveva una di quelle tute informi <br /> color grigio, niente a che fare con le tenute da fighetti che si usano <br /> oggi. Sembrava un sacco di patate, pi&ugrave; o meno, con una testa sopra. <br /> &quot;Quanto hai spinto oggi?&quot; chiese allegramente Franz, nel gergo standard <br /> dei pesisti. E a me, sottovoce: &quot;Adesso vedi&quot;.<br /> David rispose &quot;Centoventi&quot;. Si era allenato con un peso di centoventi <br /> chili sulla panca orizzontale. I suoi pettorali erano in grado di <br /> sollevare a puro scopo di allenamento due volte il suo peso.<br /> &quot;Ma il record?&quot; insistette Franz, a mio beneficio esclusivo, evidentemente.<br /> &quot;Centosessanta&quot;.<br /> A quel punto David si spogli&ograve; per fare la doccia. Franz comment&ograve; &quot;Ecco <br /> il David di Michelangelo&quot;. Apparve un fisico incredibilmente poderoso, <br /> compatto quanto possibile, con muscoli definiti come in una tavola di <br /> anatomia. Un metro e sessanta di perfezione anatomica. Non era gonfio, <br /> sproporzionato, le masse muscolari erano semplicemente perfette, <br /> precisamente delineate sotto la pelle sottile. Non era possibile <br /> identificare un solo grammo di grasso. Era un fascio di muscoli <br /> perfettamente proporzionati, una sinfonia di fisicit&agrave; tranquilla e <br /> sonnacchiosa. And&ograve; a fare la doccia mostrando una schiena guizzante di <br /> serpi sottopelle, due glutei quasi pi&ugrave; stretti delle cosce poderose, <br /> tricipiti che spostavano le braccia penzoloni a un angolo divaricato <br /> rispetto alla vita, sottile quasi come quella di una fanciulla.<br /> <br /> Io pensai stolidamente che la settimana prima avevo avuto una <br /> discussione con un tizio per una mancata precedenza stradale, e siccome <br /> io passo il metro e ottanta e quello era pi&ugrave; piccoletto, avevo fatto lo <br /> spavaldo. &quot;Ma se mi capita un tipo come questo&quot;, pensai sconcertato, <br /> &quot;che mi afferra, mi solleva e mi scaglia via come uno straccio (lui <br /> solleva 160 Kg, io ne peso 72)?&quot;<br /> <br /> Rimasi alquanto colpito dalla vicenda, imparai a non sottovalutare <br /> nessuno, e non mi pare di essermi mai pi&ugrave; lasciato coinvolgere da <br /> discussioni che avessero anche il pi&ugrave; vago risvolto rissoso. Pi&ugrave; tardi <br /> ho spiegato a mio figlio che non bisogna mai sfidare uno sconosciuto, <br /> soprattutto se non sei cintura nera di Karate e/o sociopatico e/o violento.<br /> <br /> Fine dell'aneddoto. Un cane da caccia comunque pesa una ventina di chili <br /> (Full, il nostro Bretone, una macchina da guerra di muscoli, se non <br /> ricordo male 24 Kg e sar&agrave; arrivato al massimo a 60 cm. al garrese) a <br /> parte magari gli Spinoni e i Setter che sono un po' pi&ugrave; grossi. Quindi <br /> anche pensando a questi, dovresti avere un discreto vantaggio di stazza. <br /> Ci sono cagnastri invece che pesano anche 60 Kg, e questi sono dei mezzi <br /> mostri. Anche solo se si alzano sulle posteriori e ti appoggiano gli <br /> zamponi sulle spalle, passano il metro e mezzo e ti buttano gi&ugrave; <br /> qualunque umano flaccido, prepubere o anche solo impreparato.<br /> <br /> &gt;<br /> &gt;&gt; prova a immaginare un bestione di 60 Kg o magari due o tre. Ciao Soviet.<br /> &gt;&gt;<br /> &gt;<br /> &gt; si il numero fa, ad ogni modo avrei avuto meno chance scappando che<br /> &gt; affrontando la lotta.<br /> &gt;<br /> <br /> Ti svelo un segreto (ma non so se funziona davvero). Si dice che basta <br /> sedersi per terra e i cani non ti attaccano. Per&ograve; ti fanno la guardia e <br /> non ti puoi pi&ugrave; alzare finch&eacute; non arrivano i rinforzi.<br /> <br /> &gt;&gt; E questo &egrave; un triste epitaffio per Cispo (ricorderei per chi non<br /> &gt;&gt; conosce lo spagnolo che cispa significa scintilla, e forse c'era un<br /> &gt;&gt; motivo per chiamarlo cos&igrave;.<br /> &gt;<br /> &gt; non conoscevo la parola ... in realt&agrave; &egrave; nata in modo prosaico, nel senso<br /> &gt; che da piccolo, visto che viveva nell'immondizia, aveva gli occhi<br /> &gt; infetti e lacrimosi (cisposi quindi), da cui Cispino<br /> &gt;<br /> <br /> In effetti l'avevo sospettato. I nomi dei tuoi gatti li descrivono, <br /> mentre peraltro spesso altri attribuiscono ai loro animali nomi che <br /> descrivono maggiormente se stessi, o il momento in cui li si adotta, il <br /> film preferito ecc.<br /> <br /> &gt;&gt; Non amo i cani, ma non faccio preferenze per i gatti.<br /> &gt;<br /> &gt; nel senso che non ti piacciono nemmeno loro ?<br /> &gt;<br /> <br /> Ma no, guarda che dire che non li amo non significa che non mi piacciano <br /> cani &amp; gatti, anzi. Li tollero benissimo e quando mi capita di <br /> interagire con loro sono sempre cordiale e affettuoso. Accarezzo i cani, <br /> se mi capita, e, se devo, li porto a spasso: ci gioco anche. Con i cani <br /> ho di solito un certo successo: e anche senza allungare loro bocconcini <br /> (cosa che in effetti non faccio mai).<br /> Idem per i gatti, tollero che mi si accoccolino sulle gambe (qualche <br /> volta sulla pancia - i gatti sono incredibilmente indiscreti) e cado <br /> anch'io vittima di quella misteriosa mal&igrave;a per cui ti trattieni <br /> dall'accavallare le gambe, anche se ti andrebbe, per non disturbare sua <br /> maest&agrave; il Gatto che ti ha concesso il raro privilegio di scegliere <br /> proprio le tue gambe per accoccolarcisi. Faccio loro qualche sapiente <br /> grattino sulla testa o dietro le orecchie, e qualche volta loro fanno le <br /> fusa.<br /> <br /> Ma non li &quot;amo&quot; come molti invece dichiarano, non ci vivrei, non provo <br /> il bisogno di avere cani o gatti, insomma provo per loro una benevola e <br /> affettuosa noncuranza.<br /> Perch&eacute; ho avuto cani e gatti, ne ho sofferto, e non desidero che accada pi&ugrave;.<br /> Un giorno magari poster&ograve; la storia di una gattina che mi tocc&ograve; in sorte, <br /> ma &egrave; una storia finita male, e sembra pure sdolcinata (ma non lo &egrave;), per <br /> cui non so se ne avr&ograve; il coraggio e la voglia.<br /> <br /> &gt;&gt; E i cani da caccia sono SPECIALI.<br /> &gt;<br /> &gt; maybe. Pure quelli da guardia, a modo loro. Non ci siamo potuti<br /> &gt; presentare bene, diciamo :)<br /> &gt; In generale qui girano col campanellino.<br /> &gt;<br /> &gt; P.S. non c'entra niente, ma mi &egrave; venuta l'associazione di idee. Molti<br /> &gt; qui tengono anche qualche cane da tartufo, e un mio studente ha una<br /> &gt; CINGHIALA domestica, obesa, che pure lei sa trovare i tartufi (il<br /> &gt; problema dice &egrave; spingerla fuori). Non mangia i bocconi avvelenati, pare,<br /> <br /> Ah!Ah! questa &egrave; bellissima! Una Cinghiala domestica non l'avevo mai <br /> sentita. Maddai! Dunque io sapevo che i maiali sono usati per la cerca <br /> della trifola in Romagna, con l'unico problema che bisogna stare attenti <br /> che non se li mangino, mentre il cane pu&ograve; essere addestrato a trovarli <br /> senza sbafarseli, e ha anche un naso migliore. Ma la cinghiala! <br /> Bellissima. Probabilmente &egrave; un incrocio tra il cinghiale e la scrofa, <br /> cosa che ha creato nella provincia di Genova una invasione di questi <br /> mezzi-cinghiali. Si riconoscono -mi dicono- per essere meno villosi dei <br /> cinghiali-cinghiali, ed anche meno incazzosi.<br /> <br /> &gt; mentre tra tartufai gelosi c'&egrave; questa orrenda cosa che se possono si<br /> &gt; avvelenano i rispettivi cani troppo bravi.<br /> &gt;<br /> <br /> Mmmmmh questa &egrave; davvero brutta, davvero.<br /> <br /> &gt; P.P.S. nei cinghiali mi ci imbatto abbastanza spesso perch&eacute; vengono a<br /> &gt; rovistare nelle bucce e frutta marcia che butto nella riva, ma faccio<br /> &gt; rumore sulle lamiere (se li sento, e in genere li sento per il fracasso<br /> &gt; che fanno nelle frasche secche o per qualche tipico sgrunf) per dare<br /> &gt; preavviso e si dileguano con una certa fretta. Non solo non si<br /> &gt; dimostrano aggressivi, ma anzi hanno una fifa blu (e per questo<br /> &gt; potrebbero diventare pericolosi se sorpresi per errore in una situazione<br /> &gt; dove abbiano poche vie di fuga o i piccoli).<br /> &gt; Ho visto varie volte manifestazioni di potenza muscolare e totale<br /> &gt; indifferenza a spine e pietre cos&igrave; incredibili che questi non li avrei<br /> &gt; mai fronteggiati con armi corte come le barre. E' difficile trovare un<br /> &gt; bersaglio utile in un cinghiale che si agita, &egrave; un pezzo unico<br /> &gt; monolitico, e tra l'altro ha una tattica efficace : ti viene sotto<br /> &gt; rasoterra, poi solleva il muso con uno scatto e ben che vada ti ribalta,<br /> &gt; mal che vada fa da apriscatole e ti tramuta nella scatola di sardine. E'<br /> &gt; gi&agrave; capitato di ricevere ferite mortali perch&eacute; tende a infilarsi tra le<br /> &gt; gambe e quindi lacerare le arterie femorali. Infatti li cacciavano con<br /> &gt; la lancia, perch&eacute; carica senza curarsi eccessivamente di quel che pu&ograve;<br /> &gt; accadere dall'alto. Ovviamente ci vuole un sangue freddo e una mira<br /> &gt; adatti, perch&eacute; se sbagli il primo colpo non &egrave; detto che il secondo ci sar&agrave;.<br /> <br /> S&igrave;, mi risulta che i cinghiali abbiano una forza insospettabile. Parlavo <br /> con un agricoltore della piana di Albenga che mi raccontava di come <br /> trovi spesso smossi dei pietroni pesantissimi (l&igrave; &egrave; tutto terrazzato, e <br /> solo la coltivazione a terrazze garantisce qualche risultato, date le <br /> pioggie torrenziali e il terreno arido e ripido). Roba da non credere, <br /> mi diceva. Pietroni sbattuti qua e l&agrave; come sassolini, e naturalmente il <br /> campicello devastato.<br /> <br /> &gt;<br /> &gt; Avevo anche un deterrente per cinghiali, ma non &egrave; adatto al jogging o<br /> &gt; alle camminate : &egrave; una scure lunga, interamente in ferro, anche il<br /> &gt; manico, ma &egrave; pesantissima. La usavo per spaccare i ceppi pi&ugrave; refrattari.<br /> &gt; Ora &egrave; quasi inusabile perch&eacute; avevo ulteriormente zavorrato la parte<br /> &gt; superiore del manico riempiendo una parte del resto di palline di ferro,<br /> &gt; e quindi &egrave; diventata pochissimo maneggevole, per avere un impatto<br /> &gt; potente. Se il ceppo non si rompe, dopo sono cazzi a cavarla fuori,<br /> &gt; perch&eacute; anche nei ceppi di quercia pieni di nodi spesso penetra 1/3 o<br /> &gt; mezza lama, e rimane l&igrave; finch&eacute; prendi dei cunei. E' la prima cosa in<br /> &gt; ferro che mi fossi fatto, la usavo in campeggio perch&eacute; andavo in una<br /> &gt; zona molto cinghialosa e dormivo pi&ugrave; tranquillo.<br /> &gt; Cmq coi cinghiali, che non sono potenziali predatori e ci temono,<br /> &gt; l'atteggiamento utile &egrave; : levati di mezzo rapido ma senza clamori o<br /> &gt; isteria, possibilmente arretrando tenendoli d'occhio. Gli unici veri<br /> &gt; incidenti succedono a chi li va a cercare e li ferisce, oppure a qualche<br /> &gt; goffo coglione che vede magari un piccolo temporaneamente incustodito e<br /> &gt; si avvicina per fare le moine (sono effettivamente simpaticissimi e<br /> &gt; carini) o ci inciampa dentro, nel qual caso se ti vede la mamma passa<br /> &gt; subito in terminator-mode.<br /> &gt; E' una specie che pare aver capito bene chi chi ha a che fare e ha<br /> &gt; sviluppato quasi una fobia per l'uomo.<br /> &gt;<br /> &gt; Ma quando sa di non essere visto, sconfina e arraffa tutto quel che pu&ograve;,<br /> &gt; non solo orti, ma anche i bidoni della spazzatura. Dicono che a Roma ci<br /> &gt; siano zone di periferia dove le incursioni crepuscolari dei cinghiali<br /> &gt; siano fuori controllo.<br /> &gt;<br /> <br /> Eh eh, da chimico/biologo saprai che uomo e maiale hanno qualche <br /> affinit&agrave;, furono addirittura tentati in passato esperimenti di trapianto <br /> tra maiale e uomo...<br /> <br /> Dan<br /> -- <br /> &quot;Everybody should pay taxes with a smile&quot;<br /> I tried, but they want money.  

Il thread:
da leggere Soviet_Mario 18/07 20:41
[Cronache di animali] - cani venatici
   da leggere danca (Daniele Campagna) 20/07 14:15
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
      da leggere Soviet_Mario 20/07 19:46
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
         da leggere danca (Daniele Campagna) 22/07 15:14
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
            da leggere Soviet_Mario 22/07 15:42
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
            da leggere Soviet_Mario 22/07 16:42
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
               da leggere danca (Daniele Campagna) 22/07 18:55
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
                  da leggere Soviet_Mario 22/07 20:43
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
                     da leggere ADPUF 30/07 21:40
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
                        da leggere Soviet_Mario 31/07 00:59
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
               da leggere ADPUF 30/07 21:39
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
               da leggere ADPUF 30/07 21:40
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
               da leggere ADPUF 30/07 21:40
Re: [Cronache di animali] - cani venatici
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links