Utenti collegati: 24 
 
it-alt.discussioni.naturismo
Il movimento naturista italiano

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Antonio Cavallaro  Mostra tutti i messaggi di Antonio Cavallaro
Titolo: Presentazione ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)
Newsgroup: it-alt.discussioni.naturismo
Data: 24/12/2011
Ora: 18:06:01
Nascondi headers
 
  Path: mynewsgate.net!nr5-q3a.newsreader.com!newsh.newsreader.com!newsh.newsreader.com!news-out.readnews.com!news-xxxfer.readnews.com!newsfeed.hal-mli.net!feeder3.hal-mli.net!newsfeed.hal-mli.net!feeder1.hal-mli.net!aioe.org!.POSTED!not-for-mail
From: Antonio Cavallaro <antonio.cavallaro400@virgilio.it>
Newsgroups: it-alt.discussioni.naturismo
Subject: Presentazione ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)
Date: Sat, 24 Dec 2011 18:06:01 +0100
Organization: Aioe.org NNTP Server
Lines: 354
Message-ID: <jd50po$1am$3@speranza.aioe.org>
Reply-To: antonio.cavallaro400@virgilio.it
NNTP-Posting-Host: 6/mGHAIFjJ2kL9NNU1IVkA.user.speranza.aioe.org
Mime-Version: 1.0
Content-Type: text/plain; charset=UTF-8; format=flowed
Content-Transfer-Encoding: 8bit
X-Complaints-To: abuse@aioe.org
User-Agent: Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; WOW64; rv:8.0) Gecko/20111105 Thunderbird/8.0
X-Antivirus-Status: Clean
X-Notice: Filtered by postfilter v. 0.8.2
X-Antivirus: avast! (VPS 111224-1, 24/12/2011), Outbound message

Salve a tutti,<br /> durante una ricerca sul web mi sono imbattuto per caso in una pagina <br /> facebook di un'associazione che ho trovato molto interessante per chi <br /> vuole approfondire le tematiche riguardanti il salutismo naturale e i i <br /> benefici di una sana alimentazione.<br /> Vi incollo l'URL e la presentazione.<br /> <br /> http://www.facebook.com/associazioneabin<br /> <br /> L'ABIN &egrave; un'associazione senza fine di lucro, una scuola della salute.<br /> Il fine dell'associazione &egrave; quello di diffondere l'Igienismo Naturale <br /> attraverso seminari, incontri, corsi pratici e consulenze.<br /> L'obbiettivo principale del movimento igienista &egrave; quello di divulgare la <br /> conoscenza delle leggi della vita e della salute ed in particolare la <br /> natura e le cause reali della malattia. La malattia, secondo <br /> l'Igienismo, &egrave; una disarmonia tra corpo, mente e spirito. L'Igienismo <br /> quindi non cura con il sistema<br /> tradizionale, non propone terapie a base di farmaci che curano il corpo <br /> sulla base del sintomo distrettuale (la medicina tradizionale considera <br /> il corpo come l'insieme di tanti organi/distretti) ma, considerando il <br /> corpo nel suo insieme, normalizza le funzioni di tutto l'organismo. <br /> Insegna cio&egrave; modi semplici di vita autogestendo la salute. Secondo <br /> l'Igienismo tutto ci&ograve; che la natura non riesce a fare nessuno pu&ograve; <br /> sostituire: in altri termini &egrave; solo la natura che cura.<br /> L'ABIN Promuove quindi la difesa del territorio e il benessere materiale <br /> e spirituale delle persone, insegna come curare la mente, il corpo e lo <br /> spirito e come controllare le proprie emozioni, autogestendo la propria <br /> salute attraverso la sana alimentazione e gli altri elementi <br /> fondamentali che servono alla vita (l'acqua, l'aria, la terra, la luce <br /> solare, i riposi, i semidigiuni e i digiuni terapeutici), in sintonia <br /> con le leggi naturali e divine. La malattia nasce nell'anima, cresce <br /> nella mente e si evidenzia nel corpo.<br /> <br /> Ecco la presentazione che ne fa Valdo Vaccaro:<br /> <br /> ABIN BERGAMO - PRIMA SCUOLA ITALIANA DI SALUTISMO NATURALE<br /> <br /> Italia paese a pi&ugrave; alto e pi&ugrave; incontrastato tasso di medicalizzazione<br /> <br /> Dalle pi&ugrave; recenti statistiche, pare che in Italia ci siano almeno 10<br /> milioni di vegetariani, ovvero il 15% di persone che praticano, o<br /> tentano di praticare, o simpatizzano per il vegetarianismo. Di sicuro, 65<br /> milioni, ovvero il 100% delle genti italiche, vorrebbe stare bene, in<br /> piena salute fisica, mentale e spirituale. Per essere sani e in forma non<br /> bastano il Ministero della Salute, le USL o ASL, e tutte le strutture<br /> sanitarie esistenti, l&rsquo;oltre mezzo milione di medici, e i 25000<br /> propagandisti farmaceutici che scorrazzano per la penisola a caccia di<br /> business, perch&eacute;, se cos&igrave; fosse, le condizioni degli italiani sarebbero<br /> al top, mentre la situazione dimostra che le malattie stanno falcidiando<br /> il bel paese a un ritmo crescente che si avvicina purtroppo ai record<br /> negativi che si registrano in USA, ovvero nel paese guida, che &egrave; anche<br /> il paese a pi&ugrave; alto tasso di malattie gravi e dichiarate incurabili.<br /> <br /> <br /> <br /> L&rsquo;Italia non &egrave; un deserto o un paese sottosviluppato<br /> <br /> L&rsquo;Italia non &egrave; un deserto e non &egrave; un paese sottosviluppato. E&rsquo; stata per<br /> millenni culla di scienza e di poesia, di tecnologia e spiritualismo. E&rsquo;<br /> la terra di Pitagora, di San Francesco d&rsquo;Assisi, di Dante, di Leonardo e<br /> Michelangelo, di Giotto e Raffaello, di Pacinotti e Marconi, di Meucci e<br /> Fermi, e di mille altri geni che colpevolmente tralasciamo. Ogni sua<br /> citt&agrave; &egrave; piena e stracolma di segni e di vestigia di un passato<br /> prestigioso. Negli ultimi decenni fatti di sviluppo disordinato e<br /> consumistico, di influenze esterne non sempre positive, la caduta di<br /> molti valori della tradizione ha portato a una desertificazione delle<br /> coscienze e a una degenerazione delle condizioni di salute e di spirito<br /> dei suoi abitanti. Purtroppo, al valore umano pi&ugrave; alto, che &egrave; non tanto<br /> la ricchezza pecuniaria ma la salute psico-fisica, non &egrave; stata data la<br /> giusta attenzione, per cui le scuole libere ed indipendenti sono state<br /> illustri assenti, lasciando il campo libero alle scuole asservite e<br /> diseducative chiamate stampa e televisione, pesantemente controllate da<br /> ditte sponsorizzatrici motivate da interessi egoistici e di parte, da<br /> gruppi di potere che tengono sotto tiro e sotto controllo la gran massa<br /> della popolazione, definita col nome di / mercato/ e di /consumatori/.<br /> <br /> La necessit&agrave; improrogabile di una Scuola Italiana di Salutismo, di<br /> Etica e di Igiene Naturale<br /> <br /> Serve dunque una scuola trasparente ed innovativa che sappia contrastare<br /> l&rsquo;enorme potere di Big Pharma e di Big Food, di Big Cola e Big Coffee,<br /> di Big Fumo-Alcool e di Bid Droga, di Big Macello e Big Stalla. Serve<br /> chiaramente una Scuola con la Sstramaiuscola, capace di andare<br /> controcorrente. Serve una controscuola dotata degli anticorpi adatti a<br /> combattere le patologiche tendenze in atto. Non &egrave; una questione di fare<br /> le barricate e andare in guerra contro qualcuno, si chiamino essi<br /> farmacisti, medici, macellai, casari, avvinazzatori e<br /> /caff&egrave;-the-fumo-farmaco-viagra-cola-OGM-drogatori/. Una scuola di vera e<br /> autentica salute serve anche a loro, ai loro figli, e ai loro<br /> nipoti. Fare i soldi per poi ammalarsi tutti e rovinare questa landa<br /> tonda e limitata che si chiama pianetucolo Terra,sarebbe una gaffe non<br /> solo per la popolazione umana ed animale che rimane vittima del<br /> gigantesco stupro in atto su di lei, ma per gli stessi autori del<br /> misfatto. Le malattie e l&rsquo;inquinamento si propagano non solo nelle citt&agrave;,<br /> ma anche nelle pi&ugrave; nascoste campagne. Persino nelle belle isole, nelle<br /> Bahamas, nelle Hawaii, nella Polinesia, e in tutti quei posti speciali<br /> per /magnati-in-vena-di-relax/, non &egrave; pi&ugrave; possibile rifugiarvisi e<br /> spendere le fortune accumulate alle spese dei poveretti consumatori e<br /> pazienti della terraferma, alle spese dei bovini e dei sottobovini,<br /> delle balene e delle sottobalene, alle spese di tutte le creature<br /> viventi del pianeta.<br /> <br /> Il ruolo della ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca Igiene Naturale)<br /> <br /> L&rsquo;ABIN non pretende di essere la chiave di volta, il gruppo eroico che<br /> cambier&agrave; le sorti di questo grande paese. Sarebbe peccato di immodestia<br /> e di presunzione. Per&ograve; ha il potenziale di catalizzare e diffondere un<br /> messaggio importante, visto che le sue basi storiche e culturali sono<br /> totalmente immuni da contraffazioni e condizionamenti perversi. Nessun<br /> individualismo sfrenato e nessun senso di competizione con le tante<br /> lodevoli iniziative, con i tanti gruppi culturali che caratterizzano il<br /> mondo sommerso e purtroppo ultra-sminuzzato del panorama igienistico e<br /> alternativo italiano. Al contrario, un appello all&rsquo;unit&agrave; delle forze sane<br /> di questa nazione, e a un maggior coordinamento, avendo in testa il<br /> nobile obiettivo comune di migliorare le condizioni di vita dell&rsquo;uomo,<br /> degli animali e della natura che ci circonda. L&rsquo;ABIN &egrave; un&rsquo;associazione<br /> culturale senza scopo di lucro, avente per scopo principale<br /> l&rsquo;insegnamento e la divulgazione a piene mani della scienza<br /> igienistico-naturale, senza escludere l&rsquo;assistenza terapeutica<br /> non-invasiva e non-farmacologica per i soci che ne avessero necessit&agrave;.<br /> <br /> Un invito a iscriversi all&rsquo;ABIN e coalizzare le forze<br /> <br /> L&rsquo;ABIN, pur nella sua attuale struttura dignitosa ma non certo<br /> spettacolare, si pone oggi all&rsquo;avanguardia nel colmare il vuoto<br /> educativo esistente nel settore salutistico-naturale, ed &egrave; dunque aperta<br /> alla collaborazione sincera con chiunque abbia a cuore la diffusione<br /> libera della salute, delle idee, delle pratiche e della filosofia che si<br /> ispira a Pitagora e Ippocrate, alle storiche innovazioni mediche ed<br /> anti-mediche americane di Isaac Jennings, di Silvester Graham, di<br /> Russell Thacker Trall, di John Tilden ed Herbert Shelton, nonch&eacute; ai<br /> grandi dell&rsquo;igienismo europeo come Arnold Ehret e Max<br /> Bircher-Banner. Purtroppo, tra tutti i nomi citati, non figura alcun<br /> italiano, anche se sarebbe ingiusto ignorare i nomi di Michele Manca e<br /> di Luigi Costacurta, e questo fa capire come l&rsquo;Italia sia stato<br /> territorio indiscriminato di conquista da parte della medicina<br /> allopatica, la quale ha intriso di s&eacute;, e dei suoi macroscopici difetti<br /> ideologici, le idee, la cultura, le abitudini, le aspettative, i metodi<br /> terapeutici, e le stesse persone di questa contrada. Chiunque lo voglia,<br /> in Italia e nel mondo, si pu&ograve; associare con una modestissima cifra di<br /> iscrizione annua, ricevendo in cambio il diritto di ricevere il<br /> materiale pubblicato, di ricevere delle consultazioni salutistiche<br /> gratuite, di partecipare alle riunioni settimanali ed alle conferenze<br /> organizzate dalla ABIN stessa. (ABIN-Bergamo, mobile 338-9222610, email: <br /> info@abin.it)<br /> <br /> Un messaggio distensivo di apertura verso i tanto tartassati medici<br /> <br /> Qualcuno penser&agrave; che stiamo facendo della retorica, ma sbaglia. Battute al<br /> vetriolo contro certi aspetti della medicina ce ne sono a bizzeffe<br /> all&rsquo;interno della ABIN. Questo &egrave; normale. Le relazioni tra medicina e<br /> igienismo naturale sono sempre state di forte conflittualit&agrave; nel corso<br /> della storia. Eppure, i pi&ugrave; grandi contestatori della medicina moderna si<br /> trovano proprio tra le fila dei medici. A dimostrazione che esistono,<br /> all&rsquo;interno del grosso calderone medico, persone illuminate e aperte,<br /> caricate a molla contro le assurdit&agrave; e le incoerenze che condizionano la<br /> medicina mondiale odierna. La ABINintende avere un rapporto il pi&ugrave;<br /> possibile aperto, cordiale e costruttivo con la medicina responsabile ed<br /> intelligente che pure esiste, e che &egrave; addirittura preponderante se si va<br /> a guardare oltre le apparenze esteriori. Saremo felici ed onorati di<br /> avere dei medici tra i nostri associati, in aggiunta a quelli che gi&agrave;<br /> hanno manifestato appoggio e simpatia per la persona di Scaffidi e per<br /> questa opera di rilancio delle iniziative salutistiche ABIN. Una stretta<br /> collaborazione tra igienista e medico in alcuni casi &egrave; basilare. Se<br /> riusciremo a rinsaldare la nostra amicizia con la parte sana della<br /> medicina avremo raggiunto un grande obiettivo.<br /> <br /> Dentro ogni medico c&rsquo;&egrave; un&rsquo;anima igienistica, spesso rimossa o malamente<br /> soppressa<br /> <br /> Seguiamo ovviamente metodi spesso diametralmente diversificati, ed &egrave;<br /> normale che esista un forte dualismo, e che a volte sprizzino pure delle<br /> scintille tra di noi. Quando la medicina prescrive l&rsquo;antibiotico, il<br /> vaccino, il bisturi, noi stiamo dall&rsquo;altra parte nel 98% dei casi, e su<br /> questo non possiamo transigere. Per&ograve;, a parte il lato metodologico e<br /> quello economico-organizzativo, che stanno ai poli opposti, puntiamo<br /> tutti, medici ed igienisti, a fare qualcosa di buono e di utile per la<br /> gente, nel mondo della salute, indipendentemente da chi ha ragione o<br /> torto. La nostra non &egrave; una guerra contro gli specialisti bravi e onesti,<br /> o contro i medici che vorrebbero comportarsi da igienisti ma non possono<br /> farlo, per le pesanti interferenze che subiscono da parte dell&rsquo;ordine,<br /> da parte dei pazienti medicalizzati che hanno mille pretese e sono<br /> pronti a inforcarli al primo errore, da parte del sistema che li<br /> costringe a muoversi rigorosamente entro un determinato e fisso<br /> percorso. Il fatto che al mondo esistano medici come il dr Robert<br /> Mendelsohn, come le dottoresse Khaw e Welch dell&rsquo;Universit&agrave; di<br /> Cambridge, come il dr Bruno Giovannetti, campioni di onest&agrave; e di<br /> franchezza, oltre che di evidente vena igienistica, fa capire che<br /> occorre distinguere fra medico e medico.<br /> <br /> Storia di un rottame umano ridiventato uomo<br /> <br /> Carmelo Scaffidi appare oggi come una persona normalissima, come un<br /> comune mortale, ma chi lo conosce da vicino sa invece che si trova di<br /> fronte a una persona dalla tempra straordinaria, dalla tempra di chi &egrave;<br /> resuscitato da morte certa, tornando alla luce e alla vita dopo un lungo<br /> tunnel situato ai confini dell&rsquo;inferno. Per i curiosi, per gli amanti<br /> delle etichette esteriori o dei titoli di carta, non possiede roboanti<br /> certificati. Ma l&rsquo;accademia della vita gli ha conferito in modo<br /> drammatico la laurea pi&ugrave; importante di /uomo illuminato/ /ed ispirato/,<br /> di umile ed efficace terapeuta, guadagnata sul campo di battaglia. Il<br /> fondatore dell&rsquo;ABIN, anzich&eacute; gioire dei suoi pimpanti 40 anni, giace 25<br /> anni fa malandato e disperato su un letto di ospedale, come un<br /> ferrovecchio pronto per la rottamazione. Sta carico di farmaci che<br /> continua da tempo ad assumere, peggiorando la situazione. Pesa 105<br /> chili, e nei suoi innumerevoli record negativi figurano l&rsquo;ernia al disco<br /> cervicale e diverse altre patologie, incluso 3 precedenti collassi. E&rsquo;<br /> praticamente paralizzato e morente. La MedicinaUfficiale&egrave; categorica e<br /> non gli d&agrave; scampo. Nessuna speranza. Come ultimo tentativo, suggerito<br /> quasi per scommessa persa in anticipo, gli viene prospettato un<br /> difficile intervento chirurgico di artrotesi, avendo i dischi L4 ed L5<br /> molto consumati, e c&rsquo;&egrave; per lui una prenotazione scritta presso il<br /> Rizzoli di Bologna.<br /> <br /> L&rsquo;apprendimento di alcune verit&agrave; sbalorditive mai nemmeno immaginate<br /> <br /> Per un ex-aitante perito elettronico dei bersaglieri, proveniente dalla<br /> Scuola Sottufficiali di Rieti, e direttore del centro militare<br /> radiotrasmissioni, non &egrave; una situazione di cui andare troppo<br /> fieri. Fortuna vuole che il suo amico e collega Col. Pippo Cicirata,<br /> maestro di yoga, gli dia in lettura /La Medicina Naturale//alla portata<br /> di tutti, /un libro dal titolo tutto sommato banale, basato sugli<br /> insegnamenti della scuola igienistica americana. Ma in quel testo stanno<br /> scritte alcune cose davvero sbalorditive che non ha mai sentito o<br /> immaginato prima, le quali cozzano violentemente con quanto gli &egrave; stato<br /> insegnato e con quanto gli viene prescritto dai medici, come ad esempio<br /> la possibilit&agrave; concreta di vivere e di autoguarire senza medicine,<br /> grazie alle sole forze insite nel nostro stesso organismo, un assioma<br /> del tutto sconosciuto alla Medicina Ufficiale di cui il militare<br /> Scaffidi si &egrave; sempre ciecamente fidato, e per la quale ogni dolore, ogni<br /> sintomo di malattia &egrave; negativo e deve essere subito sedato da un farmaco<br /> o da un intervento terapeutico.<br /> <br /> La malattia amica che ti fa guarire<br /> <br /> Scaffidi vi apprende altri basilari spunti come:<br /> 1) Qualunque sia il nome della tua malattia e il tipo di impurit&agrave; del<br /> tuo sangue, sei in gradi di normalizzarti e guarire mediante una buona<br /> digestione, respirando aria pura e riattivando l&rsquo;eliminazione cutanea.<br /> 2) La forza di guarigione &egrave; dentro di te, poich&eacute; la malattia nasce<br /> nella mente, cresce nell&rsquo;anima e si manifesta nel corpo, a conferma del<br /> principio &ldquo;Mens sana in corpore sano&rdquo;.<br /> 3) La malattia &egrave; da capire e da ascoltare, essendo essa niente altro<br /> che lo sforzo fatto dall&rsquo;organismo per liberarsi delle scorie e dei<br /> veleni accumulati in precedenza, e pertanto non deve essere ostacolata e<br /> combattuta. Essa &egrave; il vero medico interno, l&rsquo;angelo custode che ti<br /> assiste nei momenti di difficolt&agrave;, e ti sta a segnalare errori<br /> fondamentali che hai compiuto nel tuo cammino. Essa &egrave; dunque non<br /> malattia, ma piuttosto benettia.<br /> <br /> Un rottame che con sorpresa e meraviglia dei medici riprende per<br /> miracolo a funzionare<br /> <br /> Il rottame umano chiamato Maresciallo Maggiore Scaffidi, grazie a quelle<br /> pagine sgualcite e sottolineate pi&ugrave; volte, comincia a comportarsi bene e<br /> a migliorare sensibilmente, tanto da dover disdire l&rsquo;intervento<br /> chirurgico pianificato al Rizzoli. /Ma allora Dio esiste,/dice a se<br /> stesso. /Allora ci sono davvero delle regole. Allora non siamo tutti<br /> immersi in un universo nero e caotico dove le cose capitano a caso o per<br /> dispetto, governate dall&rsquo;assurdo e dalla sofferenza. / Carmelo sente nel<br /> suo corpo uno strano bollore, una irresistibile nuova forza mai<br /> sperimentata prima. Si inginocchia verso il cielo e fa un giuramento:<br /> &ldquo;Mio Principale e mio Comandante Supremo, se esco vivo da questo inferno<br /> di dolore, mi impegno per tutta la mia vita a divulgare le verit&agrave; e i<br /> segreti dell&rsquo;igiene naturale, ovvero delle leggi naturali che tu hai<br /> creato e messo nei libri di questo grande americano di nome<br /> Shelton&rdquo;. <br /> <br /> <br /> Un pioniere dell&rsquo;Igienismo in piena regola<br /> <br /> Rimessosi in piedi e in piena forma, Scaffidi non dimentica il<br /> giuramento fatto ed &egrave; pervaso da un fervore igienistico che contagia<br /> chiunque lo avvicina. Si associa in sordina con due colonnelli<br /> appassionati di igienismo quanto lui, e con un erborista, e la sua fama<br /> di terapeuta naturale si fa strada in quel di Bergamo, dove guarisce<br /> senza farmaci diverse persone. Poi si associa al dr Sebastiano Magnano,<br /> che ha fondato una Scuola della Salute in quel di Piacenza. Dal 1982 al<br /> 1989 lavora a pieno ritmo con la ACNIN, Associazione Culturale Nazionale<br /> di Igiene Naturale, come socio del leader nazionale prof Luigi<br /> Costacurta, organizzazione che vanta 150 affiliati a Bergamo e in<br /> Lombardia. Dal 1989 al 2000 lavora accanto all&rsquo;editore ed igienista<br /> Michele Manca. Nel 2000, concluse positivamente le precedenti esperienze,<br /> fonda la ABIN, che conta oggi 50 soci e 50 simpatizzanti. Scaffidi<br /> insegna come sempre i modi semplici di vivere, le leggi di madre natura,<br /> le leggi eterne della guarigione, dove qualsiasi azione esterna deve<br /> essere sempre inquadrata nell&rsquo;ottica dell&rsquo;aiutare, del coadiuvare,<br /> dell&rsquo;assistere l&rsquo;indisposizione, e non in quella di sostituirsi al<br /> prezioso medico interiore, alla forza riequilibratrice che opera<br /> costantemente al nostro interno col fine di aiutarci e di non andare mai<br /> contro gli interessi del nostro organismo.<br /> <br /> Le dure prove non finiscono mai, ma anzich&eacute; demoralizzarlo finiscono<br /> per rinforzarlo<br /> <br /> Le dure prove non finiscono mai, ma anzich&eacute; demoralizzarlo, lo<br /> rinforzano e gli moltiplicano la forza e la determinazione. Il 27<br /> novembre 1990, il suo primogenito Alessandro, oggi vicepresidente e<br /> colonna portante del&rsquo;ABIN, ha un terribile incidente stradale e rimane<br /> per 10 giorni in coma, con trauma cranico e trauma toracico, lesioni ad<br /> una gamba e frattura di una clavicola. Nello stesso periodo si ammala<br /> pure la moglie, alla quale viene diagnosticato tumore all&rsquo;utero e tumore<br /> al seno. Non ha alcun dubbio e propone il sistema naturale a tutta la<br /> famiglia con risultati eccezionali. Altra gente continua in tutti questi<br /> anni a seguire il suo metodo, guarendo dalle proprie malattie senza<br /> l&rsquo;uso di alcuna medicina. La cosa che pi&ugrave; sorprende di questo uomo &egrave; la<br /> sua rigorosit&agrave; nei principi dell&rsquo;igienismo, sorretta da una incrollabile<br /> fede, e da un carattere forgiato a meraviglia da eventi che avrebbero<br /> travolto chiunque, ma non certo lui. /L&rsquo;uomo non pu&ograve; che andare verso lo<br /> sfascio se si allontana dai principi della natura/, ama ripetere<br /> Scaffidi, persona che ha messo un piede nell&rsquo;inferno, prima di poter<br /> toccare il cielo della guarigione, della felicit&agrave; e dell&rsquo;equilibrio, con<br /> un dito.<br /> <br /> Altri principi basilari dell&rsquo;igienismo vengono divulgati negli scritti<br /> e nelle conferenze ABIN<br /> <br /> - La prima e la peggiore di tutte le malattie &egrave; ignorare le leggi della<br /> vita e della natura. -<br /> Gli effetti devastanti che il cibo ha sul nostro organismo sono<br /> enormi, ma i danni del pensiero negativo, della ignoranza e della<br /> sfiducia, sono addirittura inimmaginabili. Il cambiamento della sola<br /> dieta infatti non porta grande aiuto a chi non cambia anche il proprio<br /> modo di pensare. -<br /> Nulla al mondo vale quanto la buona salute, ma per averla bisogna<br /> guadagnarsela e meritarsela. //Se poi la perdiamo, comprendiamo ancora<br /> meglio il suo grande valore. -<br /> Gli alimenti sani e non-crudeli, gli alimenti crudi, gli esercizi, la<br /> meditazione, il sole, il riposo, il sonno, l&rsquo;aria pura, esercitano tutti<br /> un&rsquo;influenza benefica sul nostro corpo e sul nostro<br /> spirito. -<br /> Occorre assumere un atteggiamento mentale indipendente e saper imporre<br /> la nostra personalit&agrave;, difendendoci dalle pesanti influenze esterne.<br /> Esiste infatti una congiura di interessi venali e pseudo-culturali<br /> contro l&rsquo;igienismo naturale e contro la nostra stessa salute. Viviamo<br /> cio&egrave; in un mondo disegnato per farci ammmalare. -<br /> La salute &egrave; un fatto culturale e non microbico. -<br /> La salute &egrave; un fatto troppo importante e non la possiamo delegare a<br /> niente e a nessuno. -<br /> Siamo fatti di parte spirituale, parte mentale e parte fisica, tutte<br /> legate strettamente fra di loro, e occorre prendere cura degli squilibri<br /> nell&rsquo;assieme, non parte per parte.<br /> <br /> Questi ed altri, di simile e coerente tenore, i principi divulgati dalla<br /> ABIN, una preziosa ed alternativa Scuola della Salute che trasmette<br /> verit&agrave; sacrosante, ma troppo scomode e fastidiose per determinati gruppi<br /> di interesse che dominano la scena sociale e politica della Repubblica<br /> Italiana e, spesso, anche del mondo intero.<br /> <br /> <br /> <br /> Valdo Vaccaro - Direzione Tecnica ABIN-Bergamo (Associazione Bergamasca<br /> Igiene Naturale)<br /> - Direzione Tecnica AVA-Roma (Associazione Vegetariana Animalista)
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere piďż˝ volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links