Utenti collegati: 23 
 
it.cultura.religioni.bahai
Temi culturali e religiosi baha'i

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Michele Amato 1956  Mostra tutti i messaggi di Michele Amato 1956
Titolo: ghilman cioè ragazzi e sodomia cioè liwat
Newsgroup: it.cultura.religioni.bahai
Data: 11/03/2016
Ora: 22:32:19
Mostra headers
 
  Sono pochissime le citazioni di Bah&agrave;'u'll&agrave;h riguardo<br /> alla omosessualit&agrave; tanto che i musulmani fanatici<br /> lo accusano di indulgere verso di essa.<br /> <br /> Essenzialmente sono tre ma citiamo solo le due sicure<br /> mentre la terza &egrave; citata dalla Casa Universale di Haifa<br /> indirettamente, non ci dice dove si trova, e comunque<br /> anche quella citazione usa il termine liwat condannandola.<br /> <br /> le altre due sono contenute nel Kitab-&igrave;-Aqdas la prima<br /> al paragrafo 107 e la seconda come domanda posteriore<br /> a Bah&agrave;'u'll&agrave;h a cui Lui risponde al paragrafo 49<br /> delle domande e risposte posteriori al Kitab-i-Aqdas<br /> <br /> infine c'&egrave; un commento della Casa Universale in coda<br /> al Kitab al paragrafo 134 dei commenti che vorrebbe<br /> spiegare meglio la questione omosessualit&agrave;<br /> <br /> eccoli qui riportati mie note tra parenesi:<br /> <br /> &lt; [107] Vi &egrave; proibito sposare la moglie di vostro padre.<br /> la vergogna, dal trattare il tema dei ragazzi.<br /> [termine usato per &quot;ragazzi&quot; ghilman<br /> che &egrave; il plurale di ghulam ragazzo]<br /> Temete il Misericordioso, o popoli del mondo!<br /> Non perpetrate ci&ograve; che vi &egrave; proibito nella Nostra<br /> Santa Tavola e non siate di coloro che vagano<br /> inquieti nel deserto dei loro desideri.&gt;<br /> <br /> &lt; 49. DOMANDA: Riguardo le sanzioni per adulterio,<br /> sodomia e furto e le loro entit&agrave;.<br /> [viene usato per sodomia il termine liwat]<br /> RISPOSTA: La determinazione dell&rsquo;entit&agrave; di queste<br /> sanzioni spetta alla Casa di Giustizia. &gt;<br /> <br /> &lt; 134. il tema dei ragazzi [107]<br /> Nell&rsquo;originale arabo, in questo contesto, il vocabolo<br /> qui tradotto &ldquo;ragazzi&rdquo; implica la pederastia.<br /> Shoghi Effendi ha interpretato questo accenno come<br /> una proibizione di tutti i rapporti omosessuali.<br /> Gli insegnamenti bah&aacute;&rsquo;&iacute; sulla moralit&agrave; sessuale si<br /> fondano sul matrimonio e sulla famiglia come solida<br /> base dell&rsquo;intera struttura della societ&agrave; umana e sono<br /> designati a proteggere e rafforzare quell&rsquo;istituzione<br /> divina. Perci&ograve; la legge bah&aacute;&rsquo;&iacute; limita i rapporti<br /> sessuali leciti a quelli fra un uomo e<br /> la donna con la quale &egrave; sposato.<br /> In una lettera scritta a nome di Shoghi Effendi,<br /> si afferma:<br /> &Egrave; un errore permettere che l&rsquo;amore fra persone dello<br /> stesso sesso, per quanto devoto e bello<br /> possa essere, trovi espressione in atti sessuali.<br /> Non &egrave; una giustificazione valida dire che &egrave; ideale.<br /> Bah&aacute;&rsquo;u&rsquo;ll&aacute;h proibisce realmente ogni genere di<br /> immoralit&agrave; e tali Egli considera i rapporti<br /> omosessuali, oltre ad essere contro natura.<br /> Essere afflitti in questo modo &egrave; un grave peso<br /> per un&rsquo;anima coscienziosa. Ma con il consiglio e<br /> l&rsquo;aiuto dei medici, con uno sforzo vigoroso<br /> e deciso e con la preghiera un&rsquo;anima pu&ograve; superare<br /> questa menomazione.<br /> Bah&aacute;&rsquo;u&rsquo;ll&aacute;h dispone che la Casa Universale di<br /> Giustizia decida, le pene dell&rsquo;adulterio e della<br /> sodomia, a seconda dell&rsquo;entit&agrave; della trasgressione<br /> (D&amp;R 49). &gt;<br /> <br /> come vedete al paragrafo 107 condanna l'uso dei<br /> ragazzi &quot;ghilman&quot; e al paragrafo 49 &egrave; elencata<br /> come negativa la sodomia &quot;liwat&quot;<br /> ma cosa sono queste due cose veramente?<br /> e perch&egrave; i musulmani possno accusare Bah&agrave;'u'll&agrave;h<br /> di essere morbido con l'omosessualit&agrave;?<br /> <br /> Nella Persia e Arabia di met&agrave; del 1800 in cui Bah&agrave;'u'll&agrave;h<br /> scrive il suo Kitab-i-Aqdas o Libro Pi&ugrave; Santo [il<br /> libro delle sue leggi religiose] ghilman e liwat<br /> sono un unico fenomeno sociale e culturale che non<br /> ha nulla a che fare con la moderna omosessualit&agrave;<br /> che prevede il libero aderire di due uomini o di<br /> due donne a un rapporto paritario e basato sul reciproco<br /> amore ed attrazione su base di scambio paritario.<br /> <br /> Prima di tutto questi due termini non hanno a che<br /> fare con la sessualit&agrave; di due lesbiche e hanno ben<br /> poco a che fare anche con la moderna sessualit&agrave; di<br /> due gay maschi.<br /> <br /> Liwat [tradotto con solo parziale precisione in sodomia]<br /> &egrave; solo ed esclusivamente il rapporto che un maschio<br /> abbia con un altro uomo passivo o una donna passiva e,<br /> in questo ultimo caso, non usando il canale<br /> atto alla procreazione.<br /> Cio&egrave; almeno uno dei due partner deve essere dotato<br /> di membro virile e usarlo in modo attivo con un uomo<br /> o con una donna usata come si farebbe per un uomo.<br /> <br /> Questa pratica, agli occhi dei persiani e arabi<br /> della met&agrave; dell'ottocento, pur essendo vietata da<br /> Corano era considerata una pratica onorevole e confacente<br /> a un maschio attivo e di prestigio in quanto manifestava<br /> la sua virilit&agrave; e signoria sia sul maschi passivi che<br /> sulle donna usata in identico modo non procreativo.<br /> <br /> Mentre il maschio attivo era giudicato positivamente<br /> perch&egrave; virilmente attivo e prestante e non era un<br /> peccatore invece i &quot;ragazzi&quot; o ghilman che subivano<br /> passivamente erano di et&agrave; e rango inferiore.<br /> <br /> Essi erano solo ed esclusivamente dei servi<br /> o schiavi di casa cos&igrave; come le donne implicate<br /> in questa pratica. Oppure erano dei giovani pupilli<br /> di bottega, commercio, arte o filosofia proprio come<br /> avveniva secoli prima nella antica pratica greca<br /> erastes - eromenos<br /> https://it.wikipedia.org/wiki/Pederastia_greca<br /> ma senza il rispetto e l'amore greco verso<br /> gli eromenos<br /> <br /> Questa pratica non implicava alcun amore da ambedue<br /> le parti [o meglio non era indispensabile] perch&egrave;<br /> la parte dei ragazzi servi schiavi era solo quella di<br /> sottomettersi alle voglie altrui perch&egrave; privi di<br /> potere e autodeterminazione propria. Per questo anche<br /> le pene ufficiali in uso erano pi&ugrave; lievi per i passivi<br /> rispetto che per gli attivi.<br /> <br /> Quindi Bah&agrave;'u'll&agrave;h condanna il rapporto di potere<br /> e la pedofilia [anche se in genere erano ragazzi puberi<br /> e non bambini] ma il principio &egrave; lo stesso:<br /> si trattava di una pratica di violenza carnale e<br /> sottomissione all'altrui voglia incontrollata e<br /> schiavistica di minori socialmente succubi.<br /> <br /> Nulla a che fare con l'attuale concezione dell'amore<br /> omosessuale maschile che non d&agrave; per scontato neppure<br /> che vi siano quel tipo di rapporti di cui molti fanno<br /> a meno anche se sarebbero virtualemte consensuali.<br /> Ma la questione non &egrave; il tipo di rapporto fisico<br /> ma il fatto che esso sia approvato e desiderato<br /> liberamente e affettivamente da entrambi i partner<br /> omo-maschili o omo-femminili.<br /> <br /> Quindi le spiegazioni di Shoghi Effendi riportate dalla<br /> Casa Universale di Haifa al paragrafo 134 dei commenti<br /> sono quanto mai fuori luogo e fuori tema.<br /> <br /> Shoghi Effendi ha due tipi di potere secondo gli scritti<br /> sacri accertati:<br /> 1) il potere di legiferare in modo momentaneo perch&egrave;<br /> dato che ancora non c'era una Casa Universale come<br /> Centro della Causa aveva il potere di fare e disfare<br /> leggi che non siano contenute nel testo sacro<br /> 2) il potere di interpretare ci&ograve; che &egrave; scritto nel<br /> testo sacro attenendosi strettamente ad esso per<br /> esprimere ci&ograve; che in esso sia veramente inteso.<br /> <br /> La Casa Universale di Haifa in questo paragrafo 134,<br /> e in tutti gli altri che conosco, esclude di valutare gli<br /> interventi di condanna della omosessualit&agrave; da parte<br /> del Custode Shoghi Effendi come interventi<br /> legislativi-governativi del primo tipo.<br /> <br /> Ci&ograve; facendo induce tutti i bahai e li costringe al dovere<br /> di valutare gli interventi di Shoghi come interpretativi<br /> del secondo tipo e, quindi, aventi identico valore<br /> del testo sacro e, per di pi&ugrave;, per tutta la durata della<br /> presente dispensazione religiosa e cio&egrave; di questi futuri<br /> mille anni prima che il futuro messaggero divino possa<br /> cambiare le cose.<br /> <br /> Ecco che qui il buon credente deve attivare il principio<br /> cardine sicuramente bahai della sua fede e cio&egrave; la libera<br /> e indipendente ricerca della verit&agrave; che non si ferma<br /> alla scelta se divenire bahai o meno ma a tutto il<br /> resto dei principi quali, in merito, quello altrettanto<br /> cruciale della conciliazione tra scienza e religione che,<br /> se confliggono apparentemente, denunciano che una delle<br /> due o entrambi si sbagliano.<br /> <br /> Scopre cos&igrave; che la scienza dichiara l'omosessualit&agrave; come<br /> una variante normale e non una malattia o una lascivia<br /> come sembra dichiararla il Custode Shoghi Effendi.<br /> <br /> Ritiene che il gay o la lesbica bahai non chiedano una<br /> vita di lascivia incontrolata col primo che capita ma solo<br /> di poter fare come il buon bahai etero e sposarsi ed<br /> essere fedele e casto nella sua vita monogamica col<br /> partner di sua scelta e contribuendo perci&ograve; alla stabilit&agrave;<br /> e al benessere anche spirituale della societ&agrave; tutta.<br /> <br /> Che quanto sopra detto non c'entra nulla con la visione<br /> del Custode e della Casa Universale di Haifa che<br /> paragonano impropriamente e offensivamente le richieste<br /> degli omosessuali bahai a quelle degli etero non<br /> bahai e libertini. Infatti i gay e lesbiche bahai chiedono<br /> di essere benedetti e avere un casto matrimonio monogamico<br /> come tutti i bahai di questo mondo.<br /> <br /> Inoltre il credente scopre dallo studio del testo<br /> che Bah&agrave;'u'll&agrave;h chiaramente dice no all'uso dei ghilman<br /> per esercitare la liwat schiavizzandoli al proprio<br /> piacere e dominio esclusivo ed &egrave; questo che vieta e che<br /> gli sembra orribile perfino a specificarsi.<br /> <br /> Cos&igrave; &egrave; la Casa Universale di Haifa che non d&agrave; al buon<br /> credente bahai alcuna scappatoia per poter sopportare<br /> l'evidente abuso di potere di Shoghi Effendi che interpreta<br /> basandosi sulla propria personale idea con nessuna<br /> giustificazione testuale a supportarla.<br /> <br /> Se la Casa Universale di Haifa, invece di imbucarsi in<br /> una via cos&igrave; controversa, avesse valutato il dire del<br /> Custode come meramente legislativo-governativo poteva<br /> abrogare la sua legge anti gay ma cos&igrave; non ha mai fatto<br /> e probabilmente continuer&agrave; a fare non lasciandoci altra<br /> strada che investigare se il Custode Shoghi abbia avuto<br /> legittimamente il suo incarico e a cascata anche la<br /> attuale Casa Universale di Haifa.<br /> <br /> Personalmente, sempre pi&ugrave;, per questo e molti altri errori<br /> di Shoghi e Casa Universale di Haifa, sono incline a<br /> ritenere fondati antichi rilievi come quelli della<br /> rinomata e famosa credente americana Signora Ruth White<br /> https://en.wikipedia.org/wiki/Ruth_White_(Bah%C3%A1%27%C3%AD_author)<br /> <br /> un caro saluto<br /> Michele Amato<br /> <br />  

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links