Utenti collegati: 33 
 
it.discussioni.energia
Energia e dintorni

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Roberto Deboni DMIsr  Mostra tutti i messaggi di Roberto Deboni DMIsr
Titolo: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
Newsgroup: it.discussioni.energia
Data: 05/01/2018
Ora: 02:27:11
Mostra headers
 
  Il misuratore di energia elettronico permette di variare la<br /> soglia del limitatore di potenza anche da remoto.<br /> <br /> Andiamo sul sito Terna (ma perche' se scrivo www.terna.it mi<br /> trovo un sito in lingua inglese ?):<br /> <br /> &lt;http://www.terna.it/it-it/sistemaelettrico/dispacciamento/datiesercizio.aspx><br /> <br /> guardiamo il dato del dispacciamento del giorno prima:<br /> <br /> &lt;http://www.terna.it/it-it/sistemaelettrico/dispacciamento/datiesercizio/datigiornalieri/confronto.aspx><br /> <br /> Non importa quale giorno guardate, ma vedrete che per molte ore ogni<br /> giorno richiediamo molta meno potenza di quella media giornaliera.<br /> <br /> Per esempio, guardiamo un Mercoledi:<br /> <br /> &lt;http://download.terna.it/terna/0000/0861/40.PDF><br /> <br /> che ci mostra con un semplice calcolo un valore medio di 39'189 MW.<br /> <br /> Ma durante la notte, possiamo vedere che la potenza assorbita<br /> scende giu' fino a poco meno di 27'000 MW.<br /> <br /> Per quanto riguarda la zona di potenza superiore ai 40'000 MW, e'<br /> meglio non entrare in quella zona, perche' e' riservata al<br /> fotovoltaico ed alle importazioni, ed e' meglio non andare a<br /> &quot;pestare i piedi della domanda in quelle ore&quot;.<br /> Ma tra le ore 22:00 e le ore 08:00 l'Italia e' costretta a<br /> fermare un tipo di centrale elettrica che sarebbe meglio fare<br /> lavorare 24h su 24h (tranne durante i fermi per manutenzione).<br /> <br /> Facciamo una verifica:<br /> <br /> &lt;http://download.terna.it/terna/0000/0964/25.PDF><br /> <br /> a pagina 18 vediamo che abbiamo 5287 MW di potenza netta di<br /> idroelettrico fluente. Quelli sono gli impianti idroelettrici<br /> che sono sempre in funzione (non ha senso fermarli, perche'<br /> si butterebbe solo via energia persa giu' con la corrente<br /> fluviale). Poi a pagina 25 abbiamo 768 MW netti di geotermico,<br /> altra fonte che ci conviene far funzionare a ciclo continuo<br /> (perche' cosi' si riduce l'incidenza del costo di<br /> costruzione dell'impianto). E con questi due facciamo in<br /> tutto 5287+768 circa 6'000 MW di centrali a ciclo continuo.<br /> Ci mancano altre 34'000 MW per arrivare a 40'000 MW.<br /> A pagina 32 scopriamo che abbiamo 21'376 MW netti di centrali<br /> a ciclo combinato, un altro tipo di centrale che ci conviene<br /> usare perche' sono molto efficienti.<br /> E poi abbiamo altre 11'470 MW netti di centrali a ciclo<br /> semplice, per un totale finale di 6'055+21'376+11'470=38'900 MW<br /> A pagina 38 scopriamo di avere 2'102 MW di centrali a bioenergie<br /> con cogenerazione. Anche questa un tipo di tecnologia da usare<br /> prefernzialmente, specialmente se pensiamo che il calore viene<br /> reso disponibile di notte (pensate all'inverno).<br /> Il totale fa quindi di circa 41'000 MW.<br /> Naturalmente c'e' la questione dei fermi per guasti e la<br /> manutenzione ordinaria.<br /> Ma se torniamo a pagina 18 vediamo che abbiamo anche circa<br /> 11'000 MW di idroelettrico a bacino, ovvero una fonte che<br /> ci permette con rapidita' di fornire energia a volonta'<br /> (a patto di non spremerla con un uso continuato 24h/24h).<br /> Avere una potenza di riserva pari ad un quarto della<br /> potenza di servizio, mi sembra una scorta piu' che<br /> sufficiente anche al caso che una centrale su 4 si guasti<br /> o e' in manutenzione allo stesso momento.<br /> E poi in caso di &quot;imprevisti&quot; abbiamo altri 5'000 MW<br /> importabili dall'estero (anche se e' da auspicare che<br /> questo venga internalizzato in futuro, con la costruzione<br /> di una cinquantina di centrali termoelettriche a concentrazione<br /> solare a torre da 100 MW con accumulo notturno per una capacita'<br /> di 14 ore di autonomia).<br /> <br /> Tutta questa lunga premessa per evidenziare che tra le<br /> ore 22:00 e le ore 8:00 abbiamo mediamente disponibili circa<br /> 10'000 MW che se ne stanno li fermi a non fare niente eppure<br /> i cui &quot;costi&quot; di mantenimento salgono anche quando sono fermi.<br /> Anzi, nel caso delle centrali &quot;termiche&quot;, abbiamo uno spreco<br /> di energia, perche' dato che richiedono svariate ore per<br /> l'avvio, finisce che restano tutta la notte in &quot;pre-riscaldamento&quot;<br /> invece di venire spente.<br /> <br /> In parte si e' pensato di &quot;attenuare&quot; il problema, con la<br /> tariffazione a fasce orarie, possibile con i misuratori<br /> elettronici, che permettono di distinguere i consumi in base<br /> all'orario. Ma e' evidente che dal 2003 (anno della<br /> introduzione di massa dei misuratori elettronici), o meglio<br /> dal 2008, inizio della introduzione piu' significativa<br /> della tariffazione a fasce orarie di consumo, ovvero<br /> nel giro di un decennio, non e' cambiato molto, e continua<br /> ad esserci questo &quot;buco di domanda&quot; notturno. Ripeto, uno<br /> spreco, specialmente con riferimento alle centrali termiche.<br /> <br /> Perche' non aumentare ancora di piu' l'incentivo ad usare<br /> le ore notturno (22:00-08:00) concendendo un bonus di<br /> potenza prevelevabile durante quelle ore ? Il misuratore<br /> elettronico e' perfettamente in grado di modulare a<br /> necessita il limitatore di potenza. Vediamo cosa possiamo<br /> fare con 10'000 MW, sapendo che attualmente il grosso dei<br /> clienti domestici si trova con i 3 kW di potenza.<br /> <br /> Secondo fonte ISTAT:<br /> <br /> &lt;http://dati-censimentopopolazione.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DICA_NUCLEI><br /> <br /> ci sono 16'648'813 nuclei famigliari il che ci permette di<br /> immaginare che ci siano anche circa 16,6 milioni di contratti<br /> elettrici residenti, in buona parte da 3 kW. Nella ipotesi<br /> peggiore che mettendo a disposizione i citati 10'000 MW,<br /> essi verrebbero tutti usati, quanto si rende disponibile<br /> per nucleo famigliare ?<br /> <br /> 10'000 MW = 10'000'000 kW / 16'600'000 = 0,6 kW<br /> <br /> In realta', e' improbabile che accada che tutti i<br /> consumatori vogliano sfruttare questa opzione<br /> tutti contemporaneamente. Una ipotesi prudente<br /> puo' sicuramente essere quella di concedere 1 kW<br /> di &quot;bonus&quot;, il che significa che chi ha un contratto<br /> da 3,3 kW potrebbe dalle 22:00 alle 08:00 prelevare<br /> fino a 4,3 kW in modo continuo senza creare alcun<br /> problema alla rete elettrica nazionale, ma<br /> invece alzando il consumo base e quindi riducendo<br /> gli sprechi.<br /> <br /> Una sperimentazione per un anno, poi ci puo' dire<br /> quanto interesse riscuote l'opzione e vedere se e'<br /> possibile allargare il bonus orario a 2 kW.<br /> <br /> Questa proposta, a mio parere, e' fondamentale per<br /> favorire l'introduzione delle pompe di calore.<br /> Infatti, chi ha la pompa di calore potrebbe anche<br /> farcela con un contratto da 3,3 kW, ma dovrebbe<br /> giustare gli assorbimenti della pompa di calore<br /> con quelli della lavatrice, lavastoviglie, etc.<br /> La possibilita' di collegare senza preoccupazione<br /> la lavatrice mentre la pompa di calore e' attiva,<br /> senza dovere fare &quot;gestione energia&quot;, potrebbe<br /> essere la spinta che manca per molti a fare il<br /> bucato di notte, ovvero di sfruttare la fascia<br /> oraria a tariffa ridotta.<br /> <br /> Inoltre, il &quot;bonus di potenza&quot; a 4,3 kW o forse<br /> anche fino a 5,3 kW (se la sperimentazione mostra<br /> che l'interesse riguarda solo una quarto dei nuclei<br /> famigliari, etc.) puo' essere sicuramente utile<br /> per la futura diffusione delle auto elettriche,<br /> rendendo &quot;papabile&quot; l'acquisto anche a chi e'<br /> rilutante ad aumentare la potenza del contatore<br /> domestico per i timore di subire costi non<br /> sostenibili a lungo termine.<br /> <br /> Immagino che c'e' chi sbottera': ma se vogliono<br /> usare la lavatrice insieme alla pompa di calore<br /> o fare il pieno all'auto elettrica insieme ad<br /> altri assorbimenti pesanti (come le citate<br /> pompe di calore oppure lavatrici e lavastoviglie)<br /> che si facciano il contratto da 6 kW o oltre e<br /> non rompano.<br /> <br /> Gia'! Peccato che questo significherebbe che chi<br /> ha un contratto da 6 kW potrebbe benissimo volere<br /> tale potenza (gli spetta) anche durante le ore<br /> di punta. Il che significa che la nazione dovra'<br /> affrontare i costi di ulteriore capacita' di<br /> generazione e potenziamento della rete elettrica,<br /> ed aumentando cosi' lo spreco durante le ore<br /> di bassa richiesta di energia elettrica.<br /> Soluzione &quot;sempliciotta&quot;, ma poco &quot;intelligente&quot;.<br /> <br /> Aggiungo che, dato che questa potenza di 10'000 MW non<br /> richiede ne la costruzione di centrali elettriche ne il<br /> potenziamento della rete elettriche (che nelle ore in<br /> oggetto sono invece a &quot;mezzo servizio&quot;), non vedo alcuna<br /> giustificazione per fare pagare questo &quot;bonus&quot;, ovvero<br /> l'aumento di potenza &quot;ad orario&quot; (salvo eventuale una<br /> tantum per potenziare il collegamento tra centrale<br /> elettrica di quartiere e punto di presa del cliente)<br /> non deve costare alcuna quota fissa aggiuntiva.  

Il thread:
da leggere Roberto Deboni DMIsr 05/01 02:27
Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
   da leggere Roberto Deboni DMIsr 05/01 02:32
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
   da leggere GIulia 05/01 15:31
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
      da leggere Roberto Deboni DMIsr 05/01 16:25
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
         da leggere e7o7@ru.ru 05/01 16:33
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
   da leggere Unili' 07/01 17:12
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
      da leggere Roberto Deboni DMIsr 08/01 06:14
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
      da leggere Alvarotto 12/01 20:31
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
         da leggere Roberto Deboni DMIsr 12/01 23:41
Re: Potenza a fasce orarie come si fa per la tariffa
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links