Utenti collegati: 28 
 
it-alt.cultura.storia.ventennio
Benito Mussolini e il ventennio fascista

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Tigre 31  Mostra tutti i messaggi di Tigre 31
Titolo: Giornali di propaganda
Newsgroup: it-alt.cultura.storia.ventennio
Data: 02/07/2012
Ora: 07:32:25
Mostra headers
 
  <br /> <br /> I tedeschi, dopo l'ingresso in guerra dell'Italia, fecero affluire alle<br /> edicole italiane due loro publicazioni: SIGNAL e DER ADLER.<br /> <br /> Il formato era sul genere del Tempo Illustrato, ma molto ben fatti.<br /> <br /> Il grosso delle vendite in Italia veniva fatto dalla Domenica del Corriere e<br /> dalla Tribuna Illustrata. Quest'ultimo era l'unico &quot;foglio&quot; che pubblicava<br /> l'oroscopo, ora caro a tutti i giornali.<br /> <br /> Le due riviste &quot;nazi&quot; erano scritte bilingue, in italiano e tedesco.<br /> <br /> In quasi tutte le scuole erano stati aboliti francese e inglese in quanto<br /> &quot;lingue del nemico&quot; e spronavano al massimo lo studio dell'idioma del grande<br /> alleato tedesco. Ma i professori di tedesco dovevano essere esigui poco pi&ugrave;<br /> delle dita di una mano.<br /> <br /> Io acquistavo le due riviste tedesche, che mi sembra costassero intorno ad<br /> una lira (oggi &euro; 0,70).<br /> <br /> Per le notizie di guerra erano pi&ugrave; tecniche delle nostre. Probabilmente i<br /> lettori in Germania erano pi&ugrave; acculturati di noi.<br /> <br /> Mi ricordo bei servizi sulle dotazioni belliche dell' Armata Rossa,<br /> spiegazioni tecniche del T. 34, parabellum, katiusce ecc.<br /> <br /> DER ADLER, nella primavera del 1944, mi mise in difficolt&agrave; con la mia<br /> scuola... potevo essere espulso da essa per aver portato in classe una<br /> &quot;rivista porno&quot;.<br /> <br /> In quegli anni le riviste italiane erano di una castit&agrave; unica. DER ADLER in<br /> una pagina a colori pubblico' la foto di una attrice tedesca bionda<br /> pienotta,della UFA , genere Marylin, allora sconosciuta diciottenne in USA.<br /> Grande scandalo! La bionda &quot;deutsch &quot; era in costume da bagno lastex,<br /> sicuramente americano della Catalina o Jantzen (il Tigre &egrave; ferrato anche nel<br /> settore beachwear, ci ha lavorato 40 anni ).<br /> <br /> Tra tutti gli adolescenti e giovani della mia scuola, quasi nessuno aveva<br /> mai visto una foto di una donna in costume. Al mare andavano in pochissimi.<br /> Quasi sessanta anni fa le ragazze italiane erano infagottate in costumi di<br /> lana della marca Sampeco. Venivano portati al mare i giovani con la TBC.<br /> <br /> La bigotta professoressa di italiano, storia e geografia. mi port&ograve; dalla<br /> preside, la quale era iscritta alla R.S.I. e con essa ebbi buon gioco a<br /> spiegarle che io acquistavo la rivista del III REICH... che presto con le<br /> sue armi segrete avrebbe vinto la guerra. Cos&igrave; la passai liscia.<br /> <br /> La cinematografia dell' UFA non era male.<br /> <br /> Ed ora veniamo agli alleati.<br /> <br /> Dopo l' 8 settembre 1943 dal cielo caddero dei manifestini. In essi gli<br /> Alleati ci dicevano di dare aiuti ai loro soldati, prigionieri di guerra,<br /> evasi dai campi di concentramento, e di aiutare le prime formazioni<br /> &quot;ribelli&quot;, cio&egrave; i partigiani; di sabotare al massimo la Wehrmacht<br /> (invertendo i loro cartelli stradali, rompendo bottiglie sulle strade,<br /> gettando zucchero nei cassoni del carburante dei loro automezzi...).<br /> <br /> Ecco cosa ne pensava l'amico Pallevizze leggendo il manifestino: &quot;Se avessi<br /> lo zucchero lo getterei al mattino nella Vecchina (la Vecchina era un<br /> surrogato, fatto con ceci, melassa ed altri prodotti torrefatti ) non nel<br /> serbatoio dei deutsch.&quot;<br /> <br /> Fare la guerra agli alleati cost&ograve; cinque anni di privazioni: venne a mancare<br /> di tutto, in quanto le materie prime erano nelle loro mani.<br /> <br /> Verso la fine dell'anno 1943 , dal cielo incominci&ograve; a cadere IL MESE. Era un<br /> volumetto genere READER'S DIGEST, un po' meno di cento pagine.<br /> <br /> Con questo giornale mi acculturai sull'antifascismo italiano.<br /> <br /> Riportava scritti di Silone e Gramsci. C'erano le foto dei mezzi militari<br /> alleati: la jeep ad esempio. Inoltre raccontava fatti di cronaca dell'Italia<br /> prefascista e fascista, nascosti al popolo, come il delitto Matteotti, De<br /> Bosis, i Rosselli ecc.<br /> <br /> Riusc&igrave; a procurarmene complessivamente quattro numeri, che nascosi in una<br /> capanna, sotto al fieno.<br /> <br /> Con la liberazione arrivano Life e tanti altri giornali alleati.<br /> <br /> HOME<br /> <br /> &nbsp;<br /> <br /> Tigre 31 Copyright 1999-2004-<br /> <br /> &nbsp;<br />  

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links