Utenti collegati: 24 
 
free.it.religioni.tdgeova
No description.

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: theguardians54@gmail.com  Mostra tutti i messaggi di theguardians54@gmail.com
Titolo: Re: analisi scritturale disassociazione ( by Giuseppe)
Newsgroup: free.it.religioni.tdgeova
Data: 09/02/2016
Ora: 00:19:54
Mostra headers
 
  Il giorno gioved=EC 21 novembre 2002 19:59:38 UTC+1, Eupeptico ha scritto:<br /> &gt; Inserisco una analisi dei brani biblici relativi la disassociazione e la<br /> &gt; dissociazione.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Analisi scritturale dei brani biblici relativi la disassociazione e la<br /> &gt; dissociazione<br /> &gt;=20<br /> &gt; La pratica scritturale della disassociazione =E8 tra le pi=F9 contestate=<br /> da<br /> &gt; apostati e oppositori. Non tanto la pratica in se ma per gli effetti<br /> &gt; sociali. Infatti molti che si scagliano contro i testimoni di Geova<br /> &gt; osservano che il trattamento riservato ad ex-Testimoni disassociati o<br /> &gt; dissociati per qualsivoglia motivo =E8 ingiusto. Pertanto non sorprende v=<br /> eder<br /> &gt; comparire sulla stampa o sul NG esperienze &quot;sensazionali&quot; o &quot;lacrimevoli&quot;=<br /> di<br /> &gt; disassociati o dissociati. Spesso gli oppositori criticano il modo in cui<br /> &gt; sono intesi dai testimoni di Geova i brani biblici che parlano della prat=<br /> ica<br /> &gt; della &quot;scomunica&quot; o &quot;disassociazione&quot;. Esaminiamoli attentamente:<br /> &gt;=20<br /> &gt; Il primo brano in questione =E8 1 Corinti 5:11-13. Questo dice: &quot; Ma or=<br /> a vi<br /> &gt; scrivo di cessar di mischiarvi in compagnia di qualcuno chiamato fratello<br /> &gt; che =E8 fornicatore o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriacone o rapa=<br /> ce,<br /> &gt; non mangiando nemmeno con un tal uomo. Poich=E9 spetta forse a me giudic=<br /> are<br /> &gt; quelli di fuori? Non giudicate voi quelli di dentro, mentre Dio giudica<br /> &gt; quelli di fuori? &quot;Rimuovete l'[uomo] malvagio di fra voi&quot;.<br /> &gt;=20<br /> &gt;=20<br /> &gt; Il contesto immediato mostra che un uomo della congregazione (o ecclesia)=<br /> di<br /> &gt; Corinti stava praticando un grave peccato. Secondo la traduzione della<br /> &gt; edizione Paoline era &quot;una gravissima disonest=E0 e di tale specie che non=<br /> si<br /> &gt; riscontra neppure tra i pagani,al punto che uno conviva con la moglie di =<br /> suo<br /> &gt; padre&quot;.(versetto 1) Paolo rimprovera la congregazione per non aver &quot;tolto=<br /> di<br /> &gt; mezzo colui che ha commesso una simile azione&quot;.(versetto 2) Dopodich=E9 =<br /> da<br /> &gt; precise istruzioni per &quot;espellere&quot; o &quot;scomunicare&quot; il peccatore<br /> &gt; impenitente.(versetti 3-5) Commentando questo brano la nota in calce dell=<br /> a<br /> &gt; traduzione della edizioni San Paolo dice:&quot; S.Paolo scomunica l'incestuoso=<br /> e<br /> &gt; lo abbandona a Satana. Esercita cos=EC il potere di legare e sciogliere, =<br /> di<br /> &gt; cui Ges=F9 ha dotato la sua chiesa&quot;.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Pertanto la norma di &quot;scomunicare&quot; o &quot;disassociare&quot; i peccatori impeniten=<br /> ti<br /> &gt; ha una solida base scritturale. Ovviamente i peccati per cui =E8 necessar=<br /> io<br /> &gt; prendere questi provvedimenti sono indicati dalle Scritture. Alcuni di<br /> &gt; questi sono: fornicazione, adulterio, omosessualit=E0, furto, frode,<br /> &gt; assassinio, idolatria, errato uso di sangue, settarismo e apostasia. - 1<br /> &gt; Corinti 6:9,10; Atti 15:28,29; Tito 3:10<br /> &gt;=20<br /> &gt; Le Scritture provvedono istruzioni di espellere anche coloro che dissento=<br /> no<br /> &gt; dalla dottrina cristiana. La Bibbia, ad esempio, dice che Paolo aveva<br /> &gt; &quot;scomunicato&quot; Imeneo e Alessandro perch=E9 non insegnavano pi=F9 la dottr=<br /> ina<br /> &gt; cristiana.(1 Timoteo 1:19,20) Siamo informati meglio su cosa pensavano<br /> &gt; costoro da quello che Paolo scrisse in 2 Timoteo 2:16-18. Parlando di Ime=<br /> neo<br /> &gt; e di un altro ex cristiano Paolo dice che &quot;si sono allontanati dalla veri=<br /> t=E0&quot;<br /> &gt; .In che senso ? Paolo spiega che insegnavano che &quot;la risurrezione =E8 gi=<br /> =E0<br /> &gt; avvenuta&quot;. Sicuramente costoro credevano ancora in Dio Padre e nel Signor=<br /> e<br /> &gt; Ges=F9. Ma dissentivano dal generale intendimento della dottrina della<br /> &gt; risurrezione insegnato dalla chiesa tramite gli apostoli. Parlando della<br /> &gt; resurrezione futura l'apostolo Paolo disse:&quot; In virt=F9 di un uomo c'=E8 =<br /> la<br /> &gt; risurrezione dei morti.ciascuno per=F2 nell'ordine proprio: come primizia<br /> &gt; Cristo, poi quelli che sono di Cristo, alla sua venuta&quot;.(1 Corinti 15:21-=<br /> 23)<br /> &gt; Pertanto il fatto di ritenersi cristiani o di professare alcune dottrine =<br /> del<br /> &gt; cristianesimo non giustifica il dissenso dottrinale. Secondo le Scritture<br /> &gt; ispirate questi &quot;eretici&quot; &quot;si sono allontanati dalla verit=E0&quot;. Non erano=<br /> pi=F9<br /> &gt; nella verit=E0 !<br /> &gt;=20<br /> &gt; Spesso i critici dei testimoni di Geova dissentono sull'uso della parola<br /> &gt; &quot;apostasia&quot; che viene fatta nelle pubblicazioni della Watch Tower Society=<br /> ..<br /> &gt; Sostengono che &quot;apostasia&quot; equivalga a rinnegare Dio e Cristo e abbraccia=<br /> re<br /> &gt; falsi d=E8i. Ma dissentire dall'interpretazione biblica di una confession=<br /> e<br /> &gt; religiosa non =E8 apostasia ma &quot;eresia&quot;. Inoltre dicono che se uno non =<br /> =E8 d'<br /> &gt; accordo con la direttiva o con alcune procedure e si stacca da una<br /> &gt; organizzazione religiosa si parla di &quot;scisma&quot;.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Non volendo entrare nel significato di questi termini &quot;tecnici&quot; evidenzia=<br /> mo<br /> &gt; cosa dicono le Scritture circa il provvedimento che deve prendere la chie=<br /> sa<br /> &gt; cristiana verso gli eretici, gli apostati, i ribelli e gli scismatici.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Un testo che pu=F2 aiutarci =E8 Galati 5:19,20 che definisce tra le opere=<br /> della<br /> &gt; carne le &quot;sette&quot; (greco haireseis). Dio pertanto giudica con disapprovazi=<br /> one<br /> &gt; chi cerca di corrompere l'unit=E0 tra i suoi adoratori promuovendo le pro=<br /> prie<br /> &gt; dottrine. Costoro non invitano direttamente all'adorazione di falsi d=E8i=<br /> ma<br /> &gt; potrebbero anche continuare a definirsi &quot;cristiani&quot;, accettare un certo<br /> &gt; numero di credenze cristiane, ma dissentire in uno o pi=F9 punti con il<br /> &gt; patrimonio dottrinale che i cristiani hanno in comune. L'apostolo Paolo<br /> &gt; avvert=EC: &quot;So che dopo la mia partenza entreranno fra voi oppressivi lup=<br /> i i<br /> &gt; quali non tratteranno il gregge con tenerezza, e che fra voi stessi<br /> &gt; sorgeranno uomini che diranno cose storte per trarsi dietro i discepoli.&quot;<br /> &gt; (Atti 20:29,30) Quindi i fomentatori della divisione, della ribellione al=<br /> l'<br /> &gt; ordine costituito da Dio e del settarismo, sarebbero sorti tra gli stessi<br /> &gt; cristiani. Questi avrebbero continuato a definirsi cristiani e a professa=<br /> re<br /> &gt; la loro fede in Cristo. Ma dissentendo in uno o pi=F9 punti del cristiane=<br /> simo<br /> &gt; e cercando di fare proseliti tra i discepoli di Cristo sarebbero stati<br /> &gt; considerati disapprovati da Dio. - Matteo 7:15-23<br /> &gt;=20<br /> &gt; In che modo la chiesa doveva considerare questi &quot;eretici&quot; o &quot;ribelli&quot; o<br /> &gt; &quot;dissidenti&quot; ? Il testo che ci aiuta =E8 quello di Tito 3:10,11 che dice:=<br /> &quot;<br /> &gt; Allontana da te, dopo un primo e un secondo ammonimento, chiunque provoch=<br /> i<br /> &gt; scissioni ben sapendo che un tale uomo =E8 perverso, un peccatore che si<br /> &gt; condanna da se stesso&quot;. Pertanto i promotori del dissenso ideologico, del=<br /> la<br /> &gt; cosiddetta &quot;libert=E0 di coscienza&quot; nella chiesa di Dio, devono essere es=<br /> pulsi<br /> &gt; o scomunicati.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Alcuni decidono di andarsene da soli. L'apostolo Giovanni scrive:&quot; Sono<br /> &gt; usciti di mezzo a noi, ma non erano dei nostri&quot;.( 1 Giovanni 2:19) Anche =<br /> nel<br /> &gt; primo secolo alcuni che prima erano cristiani decidevano di abbandonarli.<br /> &gt; Forse alcuni tornavano al giudaismo. Altri si convertivano ad un culto<br /> &gt; misterico pagano. Ma molti continuavano a ritenersi cristiani. Secondo<br /> &gt; alcuni commentatori le parole di Giovanni si riferiscono ad un certo Ceri=<br /> nto<br /> &gt; che sosteneva che Ges=F9 era un uomo come gli altri a cui si era unito il<br /> &gt; Figlio di Dio dal battesimo alla morte. Altri dicono ancora che al verset=<br /> to<br /> &gt; 27 Giovanni parla degli gnostici i quali si ritenevano i &quot;veri&quot; cristiani=<br /> ..<br /> &gt; Quindi l'esegesi degli oppositori dei testimoni di Geova secondo cui ques=<br /> te<br /> &gt; parole della Bibbia si riferirebbero a coloro che negano il cristianesimo=<br /> e<br /> &gt; non a coloro che dissentono dalle dottrine dei testimoni di Geova piuttos=<br /> to<br /> &gt; che da quelle cattoliche =E8 errata. Sia Cerinto che gli gnostici si<br /> &gt; ritenevano cristiani ma secondo le parole dell'apostolo non lo erano.<br /> &gt; Giovanni e Paolo scrivono di coloro che pur definendosi cristiani e crede=<br /> ndo<br /> &gt; in una certa misura alle dottrine cristiane dissentivano su alcuni punti<br /> &gt; (vedi Imeneo e Fileto sulla risurrezione) o rifiutavano la direttiva<br /> &gt; proveniente dagli apostoli (come Diotrefe di cui parla Giovanni nella sua<br /> &gt; terza lettera versetti 9-12 o Giuda ai versetti 8 e 11). Costoro sono<br /> &gt; &quot;eretici&quot;, &quot;settari&quot; e &quot;apostati&quot; cio=E8 ribelli alla disposizione di Dio=<br /> ..<br /> &gt;=20<br /> &gt; A costoro si applicano le vigorose parole della 2 lettera di Pietro al<br /> &gt; capitolo 2. La Scrittura dice che &quot;in mezzo a voi&quot;, cio=E8 ai cristiani,<br /> &gt; sorgeranno falsi dottori &quot;che introdurranno sette rovinose, e rinnegando =<br /> il<br /> &gt; Signore che li ha riscattati, attireranno sopra se stessi una rapida rovi=<br /> na&quot;<br /> &gt; .(versetto 1) Notate che coloro che introducono il settarismo, l'eresia e=<br /> la<br /> &gt; divisione non sono pi=F9 considerati cristiani anche se non c'=E8 dubbio =<br /> che i<br /> &gt; &quot;falsi dottori&quot; si considerassero tali. Anche se dissenzienti su una<br /> &gt; interpretazione scritturale o ribelli alla guida costituita da Dio costor=<br /> o<br /> &gt; vengono considerati come se avessero rinnegato il santo comandamento e a<br /> &gt; costoro si applicano le parole conclusive del capitolo due: &quot; E' accaduto=<br /> ad<br /> &gt; essi quello che dice s=EC bene un proverbio:&lt;&lt; il cane =E8 tornato a mang=<br /> iare<br /> &gt; ci=F2 che aveva vomitato&gt;&gt;, e quest'altro:&lt;&lt; la scrofa, lavata, torna a<br /> &gt; rivoltolarsi nel brago&gt;&gt;&quot;(2 Pietro 2:20-22) Si noti che per la Scrittura=<br /> =E8<br /> &gt; indifferente che apostatino abbandonando il vero Dio per abbracciarne un<br /> &gt; altro o siano &quot;eretici&quot; o &quot;scismatici&quot;. In tutti i casi vengono considera=<br /> ti<br /> &gt; allo stesso modo e la loro sorte =E8 uguale: espulsi dalla comunione dell=<br /> a<br /> &gt; chiesa e considerati da Dio peccatori. Lo stesso vale per coloro che si a=<br /> uto<br /> &gt; escludono andandosene.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Perch=E9 le Scritture sono cos=EC dure verso gli &quot;apostati&quot;, &quot;eretici&quot; o<br /> &gt; &quot;scismatici&quot; in genere ? Perch=E9 contrariamente alle opinioni diffuse se=<br /> condo<br /> &gt; le Scritture non esistono tante religioni approvate da Dio ma una sola.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Prima dell'avvento di Cristo Dio trattava unicamente con il popolo<br /> &gt; ebraico.(Deuteronomio 5:1-3; Salmo 147:19,20) I non israeliti se volevano<br /> &gt; adorare il vero Dio dovevano diventare &quot;proseliti&quot; circoncidendosi.(Esodo<br /> &gt; 12:48,49) Fino alla Pentecoste del 33 d.c. il patto della Legge fu l'unic=<br /> a<br /> &gt; disposizione valida per adorare il vero Dio. - Colossesi 2:13,14; Atti<br /> &gt; 2:1-4,38-42.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Gli ebri compirono pi=F9 volte apostasia e pi=F9 volte Dio li disciplin=<br /> =F2. Ma al<br /> &gt; tempo stabilito da Dio gli ebrei vennero rigettati come popolo eletto e i=<br /> l<br /> &gt; favore di Dio si spost=F2 ad una nuova nazione.(Matteo 21:42,43) Questa, =<br /> la<br /> &gt; chiesa o congregazione cristiana, serviva come nuovo Israele di Dio.(Gala=<br /> ti<br /> &gt; 6:15,16) In epoca apostolica non c'erano tante variet=E0 di cristianesimo=<br /> ma<br /> &gt; una sola. Dio trattava tramite questa nuova istituzione e rivelava le nuo=<br /> ve<br /> &gt; verit=E0 relative al Regno e al Suo Figlio tramite la chiesa.(Efesini 3:1=<br /> 0,11)<br /> &gt; La Bibbia la chiama &quot;la chiesa del Dio vivente, colonna e fondamento dell=<br /> a<br /> &gt; verit=E0&quot;.(1 Timoteo 3:15) Questa era diretta dagli apostoli e dagli anzi=<br /> ani<br /> &gt; di Gerusalemme. (Atti 15:1-29) Questo collegio direttivo inviava uomini a=<br /> lle<br /> &gt; congregazioni locali perch=E9 ricevessero le istruzioni apostoliche. (Att=<br /> i<br /> &gt; 16:4,5) In un'altra occasione la Bibbia dice che quando gli apostoli udir=<br /> ono<br /> &gt; che la Samaria aveva accettato la Parola di Dio &quot;inviarono&quot; Pietro e<br /> &gt; Giovanni. -Atti 8:14,15<br /> &gt;=20<br /> &gt; I cristiani del primo secolo cooperavano con questa disposizione<br /> &gt; riconoscendo la direttiva degli apostoli.(1 Tessalonicesi 2:5-12) Nell'<br /> &gt; insieme tutta la congregazione fungeva da &quot;economa&quot; di Dio, incaricata di<br /> &gt; dar cibo a suo tempo alla famiglia della fede. (Luca 12:42-44; 1 Corinti<br /> &gt; 4:1,2) Costoro erano l'unico mezzo scelto da Dio per dispensare la verit=<br /> =E0. -<br /> &gt; 2 Corinti 5:20<br /> &gt;=20<br /> &gt; Da questa breve considerazione si comprende perch=E9 gli apostoli lottaro=<br /> no<br /> &gt; contro le divisioni nelle congregazioni e contro il settarismo. (1 Corin=<br /> ti<br /> &gt; 1:10; 3:1-4) Un brano che possiamo considerare l'epitome dell'unit=E0<br /> &gt; cristiana =E8 quello di Efesini 4:1-16. Molti tendono a dare un'<br /> &gt; interpretazione &quot;larga&quot; a questo brano, come se parlasse di unit=E0 fra l=<br /> e<br /> &gt; diverse denominazioni cristiane. Ma una lettura onesta di tutto il Nuovo<br /> &gt; Testamento non permette di giungere alla conclusione che ci sono diverse<br /> &gt; denominazioni cristiane. La verit=E0 =E8 una come una =E8 la chiesa che l=<br /> a<br /> &gt; insegna. Ges=F9 chiama &quot;iniqui&quot; o &quot;ingiusti&quot; coloro che pur professandosi<br /> &gt; cristiani non fanno la volont=E0 del Padre.(Matteo 7:21-23) Ges=F9 era<br /> &gt; consapevole che molti avrebbero detto di credere in lui. Ma questo non li<br /> &gt; avrebbe resi automaticamente cristiani. L'adorazione per essere gradita a<br /> &gt; Dio deve essere resa con &quot;spirito e verit=E0&quot;. (Giovanni 4:23,24) Questo<br /> &gt; significa che bisogna renderla con un cuore puro e colmo di fede e<br /> &gt; gratitudine e in armonia con la verit=E0 rivelata nella Parola scritta di=<br /> Dio.<br /> &gt; (2 Timoteo 3:15-17; Giovanni 17:17) La logica stessa ci insegna che non<br /> &gt; possono esserci pi=F9 verit=E0 contrastanti. Una cosa sar=E0 vera e il re=<br /> sto sar=E0<br /> &gt; falso. Pertanto o Dio =E8 una Trinit=E0 o non lo =E8. O l'anima =E8 immor=<br /> tale o<br /> &gt; muore. O Maria =E8 Immacolata e Assunta in cielo anima e corpo ed =E8<br /> &gt; fondamentale crederci o non lo =E8.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Quindi in Efesini 4:1-16 la Bibbia incoraggia l'unit=E0 tra coloro che<br /> &gt; praticano la verit=E0, il vero cristianesimo, coloro che sono associati a=<br /> ll'<br /> &gt; unica vera chiesa di Cristo.<br /> &gt;=20<br /> &gt; I testimoni di Geova credono di praticare la vera religione. E' vero che =<br /> ci<br /> &gt; sono chiese molto pi=F9 antiche di loro e alcuni rinfacciano questa moder=<br /> nit=E0<br /> &gt; come fatto che smentirebbe la pretesa di essere la vera religione.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Ma se teniamo conto dell'assunto principale e cio=E8 che la verit=E0 che =<br /> =E8 in<br /> &gt; Dio =E8 rivelata tramite le Scritture ogni chiesa che dica di essere cris=<br /> tiana<br /> &gt; deve superare l'esame della Bibbia. Le sue dottrine e pratiche devono ess=<br /> ere<br /> &gt; in armonia con le Scritture ispirate e con il modello lasciato da Cristo =<br /> e<br /> &gt; dagli apostoli.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Un onesto esame della Bibbia non permette di giungere alla conclusione ch=<br /> e<br /> &gt; le principali dottrine delle chiese siano bibliche. Prendiamo come esempi=<br /> o<br /> &gt; la dottrina della Trinit=E0.La Bibbia non insegna affatto che Dio sia una<br /> &gt; Trinit=E0 o che Ges=F9 sia l'Iddio Onnipotente. La rivelazione di Dio =E8=<br /> costante<br /> &gt; dall'inizio alla fine delle Scritture: L'Iddio Onnipontente =E8 una sola<br /> &gt; Persona, il Padre.(Deuteronomio 6:4; Marco 12:29,30; Efesini 4:6) D'altra<br /> &gt; parte il cristianesimo nasce in un ambiente monoteista ebraico. I primi<br /> &gt; cristiani adoravano lo stesso Dio dei giudei.(Romani 3:29) L'unica<br /> &gt; differenza stava nell'accettazione di Cristo come Messia e Signore, reso<br /> &gt; tale da Dio Padre.(Atti 2:36-42) Ma le fonti ammettono che il cristianesi=<br /> mo<br /> &gt; primitivo non aveva una diversa teologia rispetto a quella ebraica n=E9 u=<br /> na<br /> &gt; diversa concezione di Dio. Il libro &quot;Storia del cristianesimo&quot; a cura di<br /> &gt; Giovanni Filoramo e Daniele Menozzi dice :&quot; La sua [di Ges=F9] definizion=<br /> e ,<br /> &gt; per=F2, come Unto, Figlio dell'Uomo, Figlio di Dio non comportava<br /> &gt; necessariamente che fosse considerato Dio allo stesso modo del Padre, ma,=<br /> in<br /> &gt; termini giudaici, poteva indicare semplicemente la sua predilezione da pa=<br /> rte<br /> &gt; di Dio; anche una cristologia che vedesse nel risorso una figura angelica=<br /> (o<br /> &gt; umana equiparata a un angelo) non era di per s=E9 eretica&quot; (pag. 93) Hans=<br /> Kung<br /> &gt; parlando dello sviluppo teologico nella chiesa cattolica dice:&quot; Origene e=<br /> i<br /> &gt; teologi del periodo precedentemente avevano sostenuto concordemente che i=<br /> l<br /> &gt; Figlio fosse subordinato all'unico Dio e Padre (&lt;&lt;il&gt;&gt; Dio)&quot; (La chiesa<br /> &gt; cattolica- una breve storia pag. 68) Pertanto gli sviluppi successivi che<br /> &gt; portarono all'elaborazione della dottrina della Trinit=E0 non costituisco=<br /> no<br /> &gt; una rivelazione di Dio ma una elaborazione filosofica frutto della predet=<br /> ta<br /> &gt; apostasia. - 2 Tessalonicesi 2:3-7<br /> &gt;=20<br /> &gt; Questa dottrina, largamente accettata da quasi tutte le chiese cristiane,<br /> &gt; rappresenta accuratamente la verit=E0 su Dio o =E8 un'adulterazione della=<br /> Parola<br /> &gt; di Dio ? No di certo. Questo =E8 un esempio che indica ci=F2 che accadde =<br /> all'<br /> &gt; indomani della morte dell'ultimo apostolo, Giovanni. Il libro Proclamator=<br /> i<br /> &gt; spiegando lo sviluppo del cristianesimo fa questo commento:&quot;Per oltre 60<br /> &gt; anni gli apostoli 'avevano agito da restrizione', cercando di impedire il<br /> &gt; dilagare dell'apostasia. (2 Tess. 2:7; confronta 2 Giovanni 9, 10). Ma<br /> &gt; mentre la congregazione cristiana stava per entrare nel II secolo, l'ulti=<br /> mo<br /> &gt; apostolo ancora in vita, Giovanni, mor=EC verso il 100 E.V. Senza pi=F9<br /> &gt; restrizioni, l'apostasia che si era lentamente infiltrata nella<br /> &gt; congregazione era ora pronta ad esplodere, con effetti devastanti sul pia=<br /> no<br /> &gt; organizzativo e dottrinale.&quot;<br /> &gt;=20<br /> &gt; Dottrine non scritturali vennero gradualmente inserite nel cristianesimo.<br /> &gt; Scismi continui resero la cristianit=E0 un crogiolo di sette in disaccord=<br /> o su<br /> &gt; tutto e pronte anche alla violenza pur di far valere le proprie ragioni.<br /> &gt; Tutto questo sarebbe durato, secondo Cristo, fino &quot;alla mietitura&quot; o &quot;fin=<br /> e<br /> &gt; del mondo&quot;. Allora Cristo avrebbe mandato i suoi angeli a raccogliere il<br /> &gt; &quot;grano&quot;, i &quot;figli del regno&quot;.(Matteo 13:24-30,36-43) I testimoni di Geova<br /> &gt; credono quanto =E8 accaduto tra loro sia il ripristino del cristianesimo<br /> &gt; prima della fine. Ovviamente questa =E8 un'affermazione che va provata e =<br /> non c<br /> &gt; 'entra con il discorso se non di sfuggita, e sar=E0 oggetto di un success=<br /> ivo<br /> &gt; articolo. Ma questo accenno permette di capire perch=E9 i testimoni di Ge=<br /> ova<br /> &gt; considerino importante la loro unit=E0 dottrinale, organizzativa e morale=<br /> e la<br /> &gt; difendano dai tentativi di creare divisioni e sette.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Riassumendo: la Bibbia insegna che c'=E8 una sola vera chiesa cristiana c=<br /> he<br /> &gt; insegna la verit=E0, che questa chiesa deve essere protetta dalla<br /> &gt; contaminazione dei peccatori volontari e di coloro che vogliono causare i=<br /> l<br /> &gt; settarismo e la divisione. La norma per proteggere la chiesa da questo<br /> &gt; pericolo e per aiutare il trasgressore impenitente a tornare in s=E9 =E8 =<br /> la<br /> &gt; &quot;scomunica&quot; o &quot;disassociazione&quot;. I testimoni di Geova credono di essere<br /> &gt; nella vera religione e applicano la norma scritturale della scomunica ver=<br /> so<br /> &gt; i peccatori impenitenti e verso gli eretici, scismatici, dissidenti e<br /> &gt; apostati che sorgono tra le loro file.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Come vanno trattati gli &quot;scomunicati&quot; o disassociati ? I critici dei<br /> &gt; testimoni di Geova spesso pi=F9 che contestare la legittimit=E0 scrittura=<br /> le<br /> &gt; della disassociazione n=E9 criticano gli effetti sociali. Sostengono che =<br /> sia<br /> &gt; &quot;disumano&quot; non salutare pi=F9 un disassociati come considerano errato non<br /> &gt; volerci avere nulla a che fare. Gli ex Testimoni, soprattutto coloro che<br /> &gt; sono stati espulsi per &quot;eresia&quot; o &quot;apostasia&quot;, dicono di non aver mai<br /> &gt; abbandonato il cristianesimo e di ritenersi ancora cristiani perch=E9 cre=<br /> dono<br /> &gt; in Dio e in Cristo. Sostengono di dissentire sull'interpretazione dei<br /> &gt; testimoni di Geova e questa non costituirebbe &quot;apostasia&quot;. Diversi dicono<br /> &gt; che questa =E8 &quot;eresia&quot; o &quot;scisma&quot; e non &quot;apostasia&quot;. Un filologo ha dett=<br /> o che<br /> &gt; i cattolici consideravano eretici gli ariani ma non per questo non li<br /> &gt; consideravano cristiani.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Ma abbiamo visto che tutti questi distinguo non reggono ad un onesto esam=<br /> e<br /> &gt; delle Scritture. Le Scritture parlano in maniera vigorosa dell'eresia e l=<br /> a<br /> &gt; descrivono come un grave peccato. Secondo le Scritture gli &quot;eretici&quot;<br /> &gt; agiscono &quot;rinnegando il Signore che li ha riscattati&quot;.(2 Pietro 2:1) E gl=<br /> i<br /> &gt; &quot;eretici&quot; devono essere espulsi dalla comunione della chiesa. - Tito<br /> &gt; 3:10;Romani 16:17<br /> &gt;=20<br /> &gt; Andiamo con ordine e svisceriamo i brani che parlano di come trattare gli<br /> &gt; scomunicati.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Il primo che esaminiamo =E8 1 Corinti 5:11-13:<br /> &gt;=20<br /> &gt; &lt;&lt;Ma ora vi scrivo di cessar di mischiarvi in compagnia di qualcuno chiam=<br /> ato<br /> &gt; fratello che =E8 fornicatore o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriaco=<br /> ne o<br /> &gt; rapace, non mangiando nemmeno con un tal uomo. Poich=E9 spetta forse a me<br /> &gt; giudicare quelli di fuori? Non giudicate voi quelli di dentro, mentre Dio<br /> &gt; giudica quelli di fuori? &quot;Rimuovete l'[uomo] malvagio di fra voi&quot;.&gt;&gt;<br /> &gt;=20<br /> &gt; Che questa Scrittura indichi che dal punto di vista delle relazioni socia=<br /> li<br /> &gt; tra credenti ed espulso =E8 cambiato qualcosa =E8 evidente.&quot;Non mangiando<br /> &gt; nemmeno con un tale uomo&quot;. Proibire una usanza sociale come il prendere<br /> &gt; pasti insieme =E8 sintomatico.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Significa che nei riguardi dell'espulso la relazione =E8 cambiata. L'ora =<br /> dei<br /> &gt; pasti =E8 un momento di distensione e compagnia. E' ragionevole pensare c=<br /> he un<br /> &gt; cristiano non debba mangiare con un espulso ma poi ci possa andare al cin=<br /> ema<br /> &gt; o al teatro ?<br /> &gt;=20<br /> &gt; Che dire dell'interpretazione che fanno alcuni secondo cui gli espulsi pe=<br /> r<br /> &gt; peccati morali non vanno frequentati per i pasti , cio=E8 in maniera assi=<br /> dua,<br /> &gt; ma possono essere salutati come si salutano le cosiddette &quot;persone di fuo=<br /> ri&quot;<br /> &gt; , i non cristiani ?<br /> &gt;=20<br /> &gt; Il contesto ci aiuta a capire che questa interpretazione =E8 errata. I<br /> &gt; versetti 9 e 10 del capitolo 5 dicono:<br /> &gt;=20<br /> &gt; &quot;Nella mia lettera vi scrissi di cessar di mischiarvi in compagnia dei<br /> &gt; fornicatori, non<br /> &gt; volendo dire interamente coi fornicatori di questo mondo o con gli avidi =<br /> e i<br /> &gt; rapaci o gli idolatri. Altrimenti, dovreste effettivamente uscire dal mon=<br /> do&quot;<br /> &gt; .<br /> &gt;=20<br /> &gt; Con queste parole Paolo riconosceva realisticamente che la maggioranza de=<br /> lle<br /> &gt; persone con cui veniamo a contatto nella vita quotidiana non hanno mai<br /> &gt; conosciuto o seguito la via di Dio. Possono essere fornicatori, rapaci o<br /> &gt; idolatri, per cui non sono persone che i cristiani scelgono come intimi e<br /> &gt; regolari compagni. Ci=F2 nonostante, viviamo su questo pianeta fra il gen=<br /> ere<br /> &gt; umano e possiamo dover stare vicino a tali persone e parlare con loro sul<br /> &gt; lavoro, a scuola o nel vicinato.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Il versetto 11 inizia subito con un contrasto tra le persone di fuori e g=<br /> li<br /> &gt; espulsi: &quot;Ma ora io vi scrivo di non avere relazioni con chi, portando il<br /> &gt; nome di fratello, fosse fornicatore, o avaro,idolatra, maldicente,<br /> &gt; ubriacone, ladro&quot;. &quot;Non avere relazioni&quot;. Interessante, vero ? Mentre con=<br /> i<br /> &gt; peccatori del mondo si possono avere relazioni con gli espulsi non si dev=<br /> e<br /> &gt; avere relazione. L'espulso non =E8 semplicemente un uomo del mondo che no=<br /> n<br /> &gt; conosce Dio e che non vive secondo le Sue norme. =C8 uno che ha conosciut=<br /> o la<br /> &gt; via della verit=E0 e della giustizia, ma che l'ha abbandonata e ha contin=<br /> uato<br /> &gt; a peccare senza pentimento fino al punto di dover essere espulso. Perci=<br /> =F2 va<br /> &gt; trattato in modo diverso. Joseph Bingham, storico della chiesa, scrive ci=<br /> rca<br /> &gt; i primi secoli: &quot;La disciplina della chiesa consisteva nel potere di priv=<br /> are<br /> &gt; gli uomini di tutti i benef=ECci e i privilegi del battesimo, espellendol=<br /> i<br /> &gt; dalla societ=E0 e dalla comunione della chiesa, . . . e tutti li evitavan=<br /> o e<br /> &gt; ne stavano alla larga nella comune conversazione, in parte per sostenere =<br /> la<br /> &gt; condanna e l'azione della chiesa nei loro confronti, in parte per farli<br /> &gt; vergognare e in parte per proteggersi dal pericolo del contagio&quot;. &quot;. . .<br /> &gt; nessuno doveva accogliere in casa persone scomunicate, n=E9 mangiare con =<br /> loro<br /> &gt; alla stessa tavola; non dovevano conversare amichevolmente con loro mentr=<br /> e<br /> &gt; erano in vita; n=E9 celebrarne le esequie funebri una volta morte, . . .<br /> &gt; Queste direttive erano state tracciate sul modello delle norme degli<br /> &gt; apostoli, che vietavano ai cristiani di dare qualsiasi appoggio ai pubbli=<br /> ci<br /> &gt; peccatori&quot;. - The Antiquities of the Christian Church, pp. 880, 891.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Pertanto la prassi seguita dai cristiani testimoni di Geova di non avere<br /> &gt; relazioni con gli espulsi per cattiva condotta morale =E8 in armonia con =<br /> la<br /> &gt; Bibbia.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Che dire degli espulsi per &quot;apostasia&quot; ? E' vero che costoro si considera=<br /> no<br /> &gt; ancora cristiani e contestano l'interpretazione di 2 Giovanni 10,11 che<br /> &gt; dice: &quot;<br /> &gt;=20<br /> &gt; &lt;&lt;Se qualcuno viene da voi e non porta questo insegnamento, non ricevetel=<br /> o<br /> &gt; in casa e non rivolgetegli un saluto. Poich=E9 chi gli rivolge un saluto<br /> &gt; partecipa alle sue opere malvage.&gt;&gt;<br /> &gt;=20<br /> &gt; Secondo costoro sarebbero &quot;apostati&quot; se facessero quanto indicato dal<br /> &gt; contesto e cio=E8 &quot;non confessare Cristo venuto nella carne&quot; .(2 Giovanni=<br /> 7)<br /> &gt; Ma siccome contestano alcune dottrine dei testimoni di Geova o contestan=<br /> o l<br /> &gt; 'autorit=E0 del Corpo Direttivo, al massimo sarebbero &quot;eretici&quot; rispetto =<br /> ai<br /> &gt; Testimoni.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Abbiamo gi=E0 visto che dal punto di vista biblico essere eretici o apost=<br /> ati<br /> &gt; non fa differenza. Il linguaggio scritturale =E8 altrettanto vigoroso ver=<br /> so<br /> &gt; gli eretici. (2 Pietro 2:22) E abbiamo gi=E0 visto che Paolo scomunic=F2 =<br /> come<br /> &gt; eretici Imeneo e Fileto perch=E9 dissentivano sulla dottrina della<br /> &gt; risurrezione.(2 Timoteo 2:16-18) Possiamo credere ragionevolmente che<br /> &gt; siccome Imeneo e Fileto credevano in Cristo venuto nella carne ma<br /> &gt; dissentivano con gli apostoli sulla resurrezione insegnando che fosse gi=<br /> =E0<br /> &gt; avvenuta, Paolo li salutasse e fraternizzasse con loro ?<br /> &gt;=20<br /> &gt; La Bibbia menziona diversi problemi che piagarono la congregazione del pr=<br /> imo<br /> &gt; secolo e alcuni di quelli che &quot;apostatarono&quot; da essa: Imeneo, Fileto,<br /> &gt; Alessandro, Diotrefe. La 2 lettera di Pietro e Giuda ci avvertono dal<br /> &gt; pericolo dei &quot;falsi maestri&quot;. Evidentemente molti dissentivano su dottrin=<br /> e<br /> &gt; fondamentali o non riconoscevano l'autorit=E0 apostolica. Al tempo di Gio=<br /> vanni<br /> &gt; alcuni negavano un'altra fondamentale verit=E0 cristiana, la venuta di Cr=<br /> isto<br /> &gt; nella carne. Nulla nel contesto ci dice che chi negava questo non credess=<br /> e<br /> &gt; in Cristo. Anzi i commentatori sostengono che qui Giovanni scrivesse cont=<br /> ro<br /> &gt; gli eretici che negavano la realt=E0 dell'incarnazione, forse gli gnostic=<br /> i. E<br /> &gt; gli gnostici credevano in Cristo. Solo che le loro dottrine non erano<br /> &gt; affatto cristiane.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Giovanni ci dice chiaramente di non salutare coloro che prima erano nella<br /> &gt; verit=E0 e poi l'abbandonano per insegnare altre credenze non cristiane o<br /> &gt; semplicemente perch=E8 dissentono da una verit=E0 del cristianesimo.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Come considerare quindi le diverse esperienze lacrimevoli e strappalacrim=<br /> e<br /> &gt; dei nostri oppositori che, anche su questo NG, cercano di trasmettere<br /> &gt; un'immagine della disassociazione crudele e antiscritturale ? Queste<br /> &gt; continue rappresentazioni distorte delle realta' bibliche non fanno altro<br /> &gt; che mostrare la vera natura della fonte dalla quale sgorgano; fonte nel<br /> &gt; migliore dei casi (e per gli ingenui che vogliono crederlo) semplicemente<br /> &gt; ignorante dei principali insegnamenti biblici a difesa della congregazion=<br /> e<br /> &gt; dell'Iddio vivente mentre, nel peggiore dei casi, fonte di assenzio<br /> &gt; (Rivelazione cap.8) che si concretizza facendo proprio il Salmo 58:3 &lt;&lt;Il<br /> &gt; veleno della vipera cornuta =E8 sotto le loro labbra&gt;&gt;<br /> &gt;=20<br /> &gt; Giuseppe<br /> &gt; (Si ringrazia X per la collaborazione prestata)<br /> &gt;=20<br /> &gt; Seguir=E0 a breve: &quot;Come mor=EC Ges=F9 &quot; e &quot;Come si identifica la vera re=<br /> ligione&quot;<br /> <br /> Si... vero... Paolo ha detto quelle cose.<br /> Ma chi =E8 Paolo? Un individuo qualunque che ha detto ci=F2 che lui ritenev=<br /> a di dire.<br /> Io e molti come me non riconoscono l'autorit=E0 di Paolo.<br /> Anzi pensiamo proprio che Paolo ha parlato a vanvera...<br /> Dalle parole di Paolo infatti nacque il Cristianesimo<br /> che nei secoli ne ha combinate di tutti i colori,<br /> con soprusi, morti, caccia alle Streghe, Inquisizioni,<br /> Invasioni e distruzioni di antiche civilt=E0,<br /> Stragi di interi paesi (vedi Albigesi) ecc.<br /> e per finire i TdG (dulcis in fundo)...<br /> no comment!  

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links