Utenti collegati: 25 
 
italia.viterbo.discussioni
Tutto cio' che riguarda Viterbo

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: Giorgio Bernardi  Mostra tutti i messaggi di Giorgio Bernardi
Titolo: MALASANITA' A VITERBO, MUORE PER UNA PIAGA DA DECUBITO, LA ASL NON HA RISPETTATO LE LINEE GUIDA SUL CONSENSO INFORMATO
Newsgroup: italia.viterbo.discussioni
Data: 29/12/2016
Ora: 22:31:36
Mostra headers
 
  VITERBO - Donna muore per una piaga di decubito, la Regione Lazio avvia deg=<br /> li accertamenti su l'Adi, l'assistenza domiciliare integrata della Asl di V=<br /> iterbo.<br /> La signora Vittorina Nicodemi mor=C3=AC il 7 agosto del 2012 dopo essere st=<br /> ata presuntivamente curata a domicilio per circa nove mesi da una equipe di=<br /> sanitari dell'Adi, l'assistenza domiciliare integrata dell' Asl di Viterbo=<br /> ..<br /> Il figlio, Giorgio Bernardi, non =C3=A8 convinto delle presunte cure pratic=<br /> ate alla defunta madre, il suo pensiero corre allora a tutte quelle persone=<br /> che sono ancora assistite dall'Adi di Viterbo, persone quasi sempre molto =<br /> anziane ed indifese.<br /> L'assistenza domiciliare ha lo scopo di evitare i costi dell'ospedalizzazio=<br /> ne e per questa sua opera riceve finanziamenti pubblici dal Fondo della Non=<br /> Autosufficienza tramite la Regione Lazio.<br /> Bernardi si rivolge allora all'Ufficio Requisiti della Regione Lazio e chie=<br /> de degli accertamenti sul rispetto di quelli che sono i requisiti minimi st=<br /> rutturali dettati nella delibera della giunta regionale del Lazio, la numer=<br /> o 325, quella per poter esercitare l'attivit=C3=A0 di ''assistenza domicili=<br /> are integrata'' e quindi ricevere i finanziamenti del Fondo.<br /> Dalle prime indagini effettuate dalla Regione Lazio emerge una lettera del =<br /> direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti, dove di legge che=<br /> =C3=AC=C3=AC [...] Preso atto della relazione prodotta dalla dottoressa Ca=<br /> porossi ed analizzata la medesima, ivi compresi tutti gli allegati prodotti=<br /> , con la presente, si evidenzia che l'operato del servizio Adi e, tutte le =<br /> azioni poste in essere dal personale ivi coinvolto, comprese quelle della d=<br /> ottoressa, sono state poste in essere nel rispetto di linee guida, procedur=<br /> e e normative vigenti in materia''.<br /> Il direttore generale della Asl di Viterbo recita in modo non rispondente a=<br /> realt=C3=A0 quando scrive ''rispetto di linee guida, procedure e normative=<br /> vigenti in materia'', ignorando persino le linee guida stabilite proprio d=<br /> alla stessa Asl viterbese in tema di acquisizione di consenso informato da =<br /> soggetto incapace.<br /> Si legge, infatti, nelle linee guida aziendali redatte in data 20/12/2011,p=<br /> er la produzione e validazione del Modello di Consenso Informato per quei s=<br /> oggetti, minori e adulti, inabili, incapaci e interdetti che: ''Paziente in=<br /> capace: quando un paziente, non interdetto e senza amministratore di sosteg=<br /> no, sia temporaneamente incapace di esprimere la propria volont=C3=A0, il m=<br /> edico deve prestare le cure indispensabili ed indifferibili anche al fine d=<br /> i portare il paziente verso un miglioramento della propria capacit=C3=A0 de=<br /> cisionale. Qualora dalla risultanza delle consulenze esperite e dallo scars=<br /> o successo degli interventi terapeutici attuati si confermi lo stato di inc=<br /> apacit=C3=A0 temporanea, si dovr=C3=A0 adire o al giudice tutelare per una =<br /> amministrazione di sostegno o al procuratore della repubblica per l'iniziat=<br /> iva di una interdizione, nel cui contesto potr=C3=A0 essere autorizzato l'i=<br /> ntervento pi=C3=B9 opportuno'' .<br /> La paziente deceduta fu quindi sottoposta a trattamenti sanitari senza acqu=<br /> isire il consenso informato (diritto costituzionalmente garantito) perch=C3=<br /> =A9, presuntivamente, considerata incapace dai sanitari, che continuarono i=<br /> l loro trattamento per la cura di una piaga di decubito al tallone destro p=<br /> er circa nove mesi - pertanto non ci si pu=C3=B2 di certo appellare al trat=<br /> tamento indifferibile - ovvero da novembre 2011 fino al 4 luglio 2012, senz=<br /> a avvisare il giudice tutelare o il procuratore della repubblica e senza co=<br /> s=C3=AC rispettare le suddette linee guida.<br /> Scrive infatti la responsabile, la dottoressa Caporossi, che: ''La signora =<br /> Nicodemi Vittorina era affetta da una demenza senile con gravi deficit cogn=<br /> itivi, non in grado quind=C3=AC di comprendere n=C3=A9 lo stato di malattia=<br /> n=C3=A9 i miei atti terapeutici'.<br /> La Caporossi nonostante la paziente fosse palesemente incapace ha omesso/ri=<br /> fiutato di avvisare il magistrato, come invece gli indicano le Linee guida =<br /> della Asl di cui =C3=A8 dipendente .<br /> Dalla relazione della responsabile Adi emerge altres=C3=AC che non fu redat=<br /> ta una ''cartella clinica domiciliare'' ovvero un atto pubblico con fede pr=<br /> ivilegiata bens=C3=AC una cartella contenente un brogliaccio con annotazion=<br /> i in ordine sparso e senza indicare le terapie eseguite.<br /> L'Adi della Asl di Viterbo sembra anche non essere dotata di un parco veico=<br /> li adeguato alle visite domiciliari da compiere, la responsabile infatti sp=<br /> iega nella sua relazione che l'Adi piuttosto che acquistare i veicoli =E2=<br /> =80=93 ed averli quindi a disposizione - preferisce chiedere ai dipendenti =<br /> d'usare i veicoli personali e rifondere in cambio rimborsi in busta paga.<br /> Gli uffici della Regione Lazio stanno proseguendo i loro accertamenti.<br /> http://www.viterbonews24.it/news/malasanit%C3%A0:-mor%C3%AC-per-piaghe-da-d=<br /> ecubito,-la-regione-lazio-avvia-gli-accertamenti_71206.htm  

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links