Utenti collegati: 29 
 
it.arti.fotografia
La fotografia

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: moonlitwords787@gmail.com  Mostra tutti i messaggi di moonlitwords787@gmail.com
Titolo: Re: Bert Stern e Marilyn Monroe
Newsgroup: it.arti.fotografia
Data: 06/12/2017
Ora: 04:30:10
Mostra headers
 
  On Tuesday, May 1, 2001 at 5:28:00 AM UTC-5, Walter Ego wrote:<br /> &gt; dall'interessante comunicato stampa della mostra<br /> &gt; L'ULTIMO SET<br /> &gt; fotografie di Bert Stern<br /> &gt; Galleria Minima Peliti Associati, cortile di Palazzo Borghese, l.go<br /> &gt; Fontanella Borghese 19, Roma<br /> &gt;=20<br /> &gt; 18 aprile - 31 maggio 2001<br /> &gt;=20<br /> &gt; La prima volta che Bert Stern incontr=C3=B2 Marilyn Monroe fu ad un party=<br /> per<br /> &gt; l'Actor Studio, a New York. Era il 1955...<br /> &gt; A quel tempo Stern era un fotografo gi=C3=A0 abbastanza conosciuto, sopra=<br /> ttutto<br /> &gt; nel campo della pubblicit=C3=A0, ma =C3=A8 dal 1962 che la sua fama inizi=<br /> a a crescere<br /> &gt; e la sua carriera a farsi sempre pi=C3=B9 interessante. Inizia a lavorare=<br /> ,<br /> &gt; infatti, per Vogue e tutto sembra soddisfarlo pienamente, dalla sua attiv=<br /> it=C3=A0<br /> &gt; lavorativa al recente matrimonio con la ballerina Allegra Kent.<br /> &gt; Per Vogue scatta bellissime foto, ma nessuna riesce a ricreare la fantast=<br /> ica<br /> &gt; sensazione mista a mito e avventura raggiunta nella sua pi=C3=B9 famosa<br /> &gt; pubblicit=C3=A0, quella del Martini Dry di fronte ad una piramide. Cosa c=<br /> i poteva<br /> &gt; essere di pi=C3=B9 provocatorio e misterioso di una piramide?<br /> &gt; Forse solo una donna.<br /> &gt; Quando si trattava di donne, nella mente di Stern fare l'amore e fare<br /> &gt; fotografie divenivano due cose intimamente connesse l'una all'altra.<br /> &gt; Una bellissima fotografia di Marilyn Monroe su Vogue... questa fu l'idea =<br /> che<br /> &gt; gli balen=C3=B2 nella mente.<br /> &gt; Richard Avedon aveva gi=C3=A0 dato un'immagine elegantissima della Monroe=<br /> : in<br /> &gt; Life la troviamo vestita di sete preziose e ricercate, ma secondo Stern l=<br /> a<br /> &gt; foto non comunicava nessuna sensazione su chi fosse in realt=C3=A0 Marily=<br /> n. Lui<br /> &gt; voleva ritrarla come nessuno aveva mai fatto prima, in una foto in bianco=<br /> e<br /> &gt; nero che l'avrebbe fatta vivere per sempre.<br /> &gt; Ma cosa voleva Bert Stern in realt=C3=A0? Il pi=C3=B9 grande desiderio de=<br /> l fotografo,<br /> &gt; ad essere onesti, era di trovarsi nella stessa camera con Marilyn Monroe,<br /> &gt; con nessuno intorno, e toglierle i vestiti.<br /> &gt; Si procur=C3=B2 dei foulard trasparenti, delle sete con disegni geometric=<br /> i e dei<br /> &gt; gioielli: Marilyn non doveva indossare nient'altro.<br /> &gt; Viene scelto come studio la camera di un famoso albergo di Bel Air.<br /> &gt; Qualsiasi posto poteva essere trasformato in uno studio. Tutto quello di =<br /> cui<br /> &gt; aveva bisogno erano le luci, uno spazio adeguato per sistemarle e uno<br /> &gt; sfondo, in questo caso il pi=C3=B9 semplice possibile, perch=C3=A8 Stern =<br /> non voleva<br /> &gt; distrarre gli occhi di Marilyn, e completamente bianco, per creare attorn=<br /> o a<br /> &gt; lei un luminosissimo campo di luce.<br /> &gt; Tutto era pronto. Stern pens=C3=B2 anche al sottofondo musicale e al Dom<br /> &gt; Perignon... stava preparando l'incontro con Marilyn come un voglioso aman=<br /> te.<br /> &gt; Lei arriv=C3=B2. Con cinque ore di ritardo. E fu una sorpresa... non era<br /> &gt; invecchiata, non era formosa, anzi doveva essere molto dimagrita... si er=<br /> a<br /> &gt; trasformata... aveva una sciarpa attorno al capo e non aveva un filo di<br /> &gt; trucco, niente. Era magnifica. E un'altra sorpresa fu la voce: non era la<br /> &gt; timida voce infantile die film, la sua voce era adulta e molto femminile.<br /> &gt; Era spontanea, naturale, vera.<br /> &gt; Stern non riusciva a trovare il segreto della sua bellezza. Non aveva il<br /> &gt; naso perfetto di Liz Taylor o le labbra meravigliose di Brigitte Bardot. =<br /> E<br /> &gt; non aveva nemmeno lo sguardo di Sophia Loren, ma per lui era molto pi=C3=<br /> =B9 che<br /> &gt; tutte loro messe insieme.<br /> &gt; Fu stupendo. Marilyn accett=C3=B2 subito di posare con i foulard. Il suo =<br /> unico<br /> &gt; pensiero fu di nascondere l'operazione alla cistifellea fatta appena sei<br /> &gt; settimane prima. Ma quella cicatrice, giusto sulla parte destra del suo<br /> &gt; stomaco, era una piccola imperfezione che la rendeva solo pi=C3=B9 fragil=<br /> e, bella<br /> &gt; e vulnerabile agli occhi di Stern.<br /> &gt; La sua innocenza lo conquistava.<br /> &gt; C'=C3=A8 un bambino in ognuno di noi, anche se =C3=A8 difficile farlo ven=<br /> ire fuori.<br /> &gt; Marilyn invece non doveva fingere o sforzarsi. La sua sensualit=C3=A0 e l=<br /> a sua<br /> &gt; modestia erano esattamente quelle di una bambina.<br /> &gt; Lei era una dea. Era la luce e la luna. Lo spazio e il sogno, il mistero =<br /> e<br /> &gt; il pericolo e tutto il resto, incluso Hollywood e l'immagine della ragazz=<br /> a<br /> &gt; della porta accanto che ognuno vorrebbe sposare.<br /> &gt; Intanto passavano le ore e l'intimit=C3=A0 cresceva. Stern non aveva biso=<br /> gno di<br /> &gt; parlare. La macchina fotografica seguiva Marilyn e ogni suo movimento, e<br /> &gt; niente poteva essere pi=C3=B9 perfetto.<br /> &gt; Fu quasi l'alba. Marilyn si spogli=C3=B2 completamente.<br /> &gt; Il foulard trasparente, bianco e nero, ora la nascondeva, ora la scopriva=<br /> ..<br /> &gt; Stern era affascinato dalla sovrapposizione del bianco e del nero, dalla<br /> &gt; luce e dall'ombra...<br /> &gt; Questa fu l'ultima foto.<br /> &gt; La storia d'amore con Marilyn Monroe era finita.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Presto arriv=C3=B2 una telefonata da Vogue: le foto erano piaciute, ma er=<br /> ano<br /> &gt; necessari altri scatti di Marilyn, stavolta vestita con gli abiti pi=C3=<br /> =B9 alla<br /> &gt; moda e pettinata dal parrucchiere pi=C3=B9 famoso. Volevano dedicarle ott=<br /> o<br /> &gt; pagine.<br /> &gt; Stern cap=C3=AC che questa volta non ci sarebbe stata nessuna storia d'am=<br /> ore fra<br /> &gt; lui e Marilyn. Questa volta avrebbe fatto quello per cui veramente era st=<br /> ato<br /> &gt; chiamato: fotografie di moda per Vogue e nient'altro. Questa volta non<br /> &gt; poteva pi=C3=B9 pensare a scattare quella foto, unica e immortale, che av=<br /> rebbe<br /> &gt; fatto vivere Marilyn per sempre, quello scatto si sarebbe confuso con alt=<br /> ri<br /> &gt; sette.<br /> &gt; Il lavoro sembr=C3=B2 molto pi=C3=B9 pesante. Sia il fotografo che la mod=<br /> ella non<br /> &gt; erano soddisfatti dei vestiti, della gente. Marilyn continuava a bere, St=<br /> ern<br /> &gt; prese un'anfetamina per cercare di finire il lavoro.<br /> &gt; Vennero scattate moltissime foto, ma non erano le foto vere. Erano le fot=<br /> o<br /> &gt; prima della foto, le foto che preparavano la foto.<br /> &gt; Dopo ore e ore di scatti e di pose costruite, Stern fa uscire tutti dalla<br /> &gt; camera.<br /> &gt; Si avvicina al letto dove era sdraiata Marilyn e cerca di baciarla, ma le=<br /> i<br /> &gt; si ritrae.<br /> &gt; Stende la mano sotto le lenzuola e lei si avvicina.<br /> &gt; Scatta la sua ultima foto in bianco e nero. Marilyn =C3=A8 nuda, tra le l=<br /> enzuola.<br /> &gt; Poi esce e la lascia dormire.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Le foto piacciono a Vogue. Stern si assicura che almeno l'ultima, la sua<br /> &gt; preferita, venga pubblicata e aspetta per settimane.<br /> &gt; Intanto le foto vengono mandate anche a Marilyn, che per=C3=B2 non soddis=<br /> fatta di<br /> &gt; alcune di esse, rovina i negativi con una molletta e segna le fotografie =<br /> con<br /> &gt; un pennarello a punta larga.<br /> &gt; Stern =C3=A8 indignato. Magari solo il trucco rovinato, che poteva essere<br /> &gt; ritoccato se lei glielo avesse chiesto, aveva fatto perdere per sempre la<br /> &gt; purezza di quelle fotografie.<br /> &gt;=20<br /> &gt; Pochi giorni dopo la TV d=C3=A0 voce del suicidio di Marilyn.<br /> &gt; Le foto scattate da Stern sono state la fine della carriera e della vita<br /> &gt; dell'attrice e in un certo senso, contemporaneamente e contrariamente, ha=<br /> nno<br /> &gt; significato invece vita e rinascita della carriera del fotografo.<br /> &gt; Stern si chiese per sempre come mai non fosse stato con lei quella notte.<br /> &gt; Forse il matrimonio, forse la Dexedrina... forse semplicemente non aveva<br /> &gt; voluto contaminare la freschezza e l'innocenza della sua Marilyn.<br /> &gt;=20<br /> &gt; --<br /> &gt;=20<br /> &gt; Phil O'Sophy || Filippo M. Caroti<br /> &gt;=20<br /> &gt; e-mail:<br /> &gt; &lt;philmc@edisons.it&gt;<br /> &gt;=20<br /> &gt; hosted on following photo-websites:<br /> &gt; &lt;http://digilander.iol.it/fbe/ospiti/caroti/narcissus/portraits.html><br /> &gt; &lt;http://giocondo.simplenet.com/iaf/fmcaroti.htm><br /> &gt; &lt;http://digilander.iol.it/fbe/ospiti/caroti/bam4/ultimate.html><br /> &gt; &lt;http://digilander.iol.it/fbe/gialla.html#E><br /> &gt; &lt;http://digilander.iol.it/fbe/ospiti/caroti/filippo.html><br /> &gt;=20<br /> &gt; ____________________________________________________<br /> &gt; &quot;il sole splende ? l'erba =C3=A8 verde ? perch=C3=A8 sprecare il tempo s=<br /> ulle cose<br /> &gt; ovvie ?&quot; (J.H.Chase)<br /> &gt; ____________________________________________________<br /> &gt; Cast a cold eye<br /> &gt; on life, on death.<br /> &gt; Horseman pass by. (tombstone of W.B.Yea=<br /> ts)<br /> &gt; ____________________________________________________<br /> &gt; Al=C3=AC, boma ye... Al=C3=AC, boma ye... (100.000 people in Kinshasa sta=<br /> dium)<br /> &gt; ____________________________________________________<br />  

Il thread:
da leggere moonlitwords787@gmail.com 06/12 04:30
Re: Bert Stern e Marilyn Monroe
   da leggere massivan 11/12 22:36
Re: Bert Stern e Marilyn Monroe
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links