Utenti collegati: 24 
 
it.cultura.linguistica
Lingue e dialetti del mondo

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: multivac85@gmail.com  Mostra tutti i messaggi di multivac85@gmail.com
Titolo: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
Newsgroup: it.cultura.linguistica
Data: 14/12/2017
Ora: 15:27:25
Mostra headers
 
  Di recente ho conversato con alcuni esperantisti per una ricerca sulla stor=<br /> ia dell'uso della nota lingua internazionale esperanto (di cui in precedenz=<br /> a avevo poche conoscenze e dunque non ho interessi per ora di discutere di =<br /> annose questioni sul successo o meno di questa proposta) e ho domandato a l=<br /> oro cosa ne pensano dell'obiezione che, secondo alcuni critici, la lingua d=<br /> i Zamenhof sarebbe troppo eurocentrica e privilegerebbe troppo una grammati=<br /> ca e in particolare un lessico tipico delle lingue indoeuropee (anche se na=<br /> turalmente si possono contare anche le parole delle lingue europee attuali =<br /> e dell'esperanto che hanno origine non indoeuropea, ad esempio ad esempio =<br /> la parola&quot;oran=C4=9Do&quot; per &quot;arancia&quot; non =C3=A8 derivata solo dall'inglese =<br /> &quot;orange&quot;, ma anche dai termini rispettivamente sanscrito &quot;naranga&quot;, persian=<br /> o &quot;narang&quot; ed arabo &quot;naranj&quot;). Le loro risposte sono state le seguenti:<br /> <br /> 1) Se non teniamo conto del lessico ma di altri aspetti della grammatica in=<br /> realt=C3=A0 l'esperanto sarebbe molto pi=C3=B9 simile a certe lingue asiat=<br /> iche rispette che alle principali lingue indoeuropee, come spiega il lingui=<br /> sta Claude Piron nei seguenti due articoli:<br /> <br /> http://claudepiron.free.fr/articlesenanglais/westernlanguage.htm<br /> <br /> http://claudepiron.free.fr/articlesenanglais/europeanorasiatic.htm<br /> <br /> 2) Per quanto riguarda il lessico l'esperanto ha la capacit=C3=A0 di poter =<br /> inventare parole composte in modo molto facile e dal significato subito com=<br /> prensibile e cos=C3=AC un madrelingua cinese o araba che ha imparato da poc=<br /> o l'esperanto volesse dire &quot;ospedale&quot; pu=C3=B2 far prima a dire &quot;malsanulej=<br /> o&quot; che letteralmente vuol dire &quot;luogo delle persone non in salute&quot; (in quan=<br /> to &quot;sano&quot; vuol dire salute &quot;malsano&quot; malattia, &quot;malsanulo&quot; vuol dire person=<br /> a malata e cos=C3=AC via) rispetto alla parola &quot;hospitalo&quot; di origine europ=<br /> ea. Analogamente per dire &quot;cappello&quot; si pu=C3=B2 usare &quot;kapvesto&quot; (letteral=<br /> mente &quot;vestito della testa&quot; con &quot;kapo&quot; che =C3=A8 testa e &quot;vesto&quot; che =C3=<br /> =A8 vestito) per &quot;=C4=89apelo&quot; (la prima lettera =C3=A8 una c con un circon=<br /> flesso sopra), e per dire &quot;diga&quot; si pu=C3=B2 usare &quot;akvobaro&quot; (letteralment=<br /> e &quot;barriera dell'acqua&quot; dove &quot;baro&quot; =C3=A8 barriera e &quot;akvo&quot; =C3=A8 l'acqua=<br /> ) al posto dell'esistente &quot;digo&quot; e cos=C3=AC via.<br /> <br /> 3) La terza risposta =C3=A8 che gran parte dei termini in esperanto che han=<br /> no origine dalle lingue europee sono di fatto legati a cose e concetti di c=<br /> ultura, scienza e tecnica nati soltanto in luoghi dove si usava quella ling=<br /> ua che accidentalmente =C3=A8 europea. Ad esempio cose come il telefono son=<br /> o nate da persone (Meucci o Bell poco importa) che parlavano lingue europee=<br /> e dunque =C3=A8 legittimo usare in esperanto la parola &quot;telefono&quot; per il t=<br /> elefono in quanto quell'oggetto =C3=A8 legato necessariamente per nascita a=<br /> quella cultura, cos=C3=AC come in esperanto e italiano la parola &quot;hamako&quot; =<br /> deriva dalla lingua caraibica in cui erano nati e diffusi per la prima volt=<br /> a questi accessori. Inoltre spesso usare parole composte rischierebbe di pr=<br /> odurre parole troppo lunghe (ad esempio telefono potrebbe diventare &quot;malpro=<br /> ksimeparolilo&quot; ovvero &quot;strumento per parlare da lontano&quot;).<br /> <br /> A questo punto io mi sono chiesto: ma le varie lingue non europee pi=C3=B9 =<br /> diffuse come il cinese, l'arabo e il giapponese prendono anche loro tanti p=<br /> restiti dalle lingue europee quando devono parlare di termini della scienza=<br /> e della tecnica come &quot;telefono&quot;, &quot;plastica&quot; &quot;galassia&quot;, &quot;idrogeno&quot;, &quot;prote=<br /> ina&quot;, &quot;neurone&quot; e simili? E se non lo fanno, cosa usano al loro posto? Paro=<br /> le composte e se s=C3=AC di che tipo?<br /> <br /> Ciao.  

Il thread:
da leggere multivac85@gmail.com 14/12 15:27
esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
   da leggere multivac85@gmail.com 14/12 15:31
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
      da leggere pauperino@gmail.com 14/12 18:27
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
         da leggere pauperino@gmail.com 14/12 18:40
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
            da leggere multivac85@gmail.com 14/12 19:26
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
               da leggere pauperino@gmail.com 14/12 20:53
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
         da leggere Dragonòt 14/12 19:31
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
            da leggere pauperino@gmail.com 14/12 20:51
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
            da leggere ADPUF 14/12 22:59
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
   da leggere ADPUF 14/12 23:16
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
   da leggere Lorents 16/12 15:13
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
   da leggere António Marques 16/12 22:06
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
      da leggere multivac85@gmail.com 17/12 13:56
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
         da leggere multivac85@gmail.com 23/12 20:06
Re: esperanto eurocentrico e prestiti in lingue non europee
 

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links