Utenti collegati: 24 
 
free.it.lavoro.indipendente
pronblemi del lavoro autonomo

Indice messaggi | Invia un reply | Tutti i newsgroup | Cerca | Statistiche 



  Inviato da: metalsigma@gmail.com  Mostra tutti i messaggi di metalsigma@gmail.com
Titolo: aprire la partita iva: ho un po' di paura
Newsgroup: free.it.lavoro.indipendente
Data: 15/04/2014
Ora: 11:52:42
Mostra headers
 
  Ciao a tutti<br /> dopo molti anni mi sono laureato in ingegneria elettronica laurea triennale=<br /> , ed ora voglio cercar lavoro per potermi creare una vita mia, lontana da c=<br /> asa.<br /> <br /> Vedo sui siti di annunci di lavoro molte proposte che richiedono l'apertura=<br /> di partita iva, di cui non ne so molto per=F2 ci sono davvero tanti annunc=<br /> i al riguardo....da quello che ho capito sembra avere l'aspetto di una cosa=<br /> vaga/strana: le aziende ti danno lavoro per=F2 non ti assumono come dipend=<br /> ente e per questo hai molte meno garanzie e puoi essere &quot;sfruttato&quot; come me=<br /> glio credono:<br /> <br /> esempio mia sorella per continuare un lavoro di consulente del lavoro, ha i=<br /> niziato prima con un contratto di rapporto occasionale, dove per=F2 si prev=<br /> edevano molte meno ore di quello che ha fatto, e poi obbligatoriamente per =<br /> poter continuare il suo lavoro deve aprirsi questa partita iva....gi=E0 sap=<br /> endo che per=F2 non sar=E0 indipendente, ma lavorer=E0 in ufficio per tante=<br /> ore e tutti i giorni.<br /> <br /> non so rimango un po' basito....non so che fare  

Invia una risposta:

Nome:

Email:

Titolo:

Testo:


Attenzione: l'invio del messaggio richiede diversi secondi.
Non premere pi� volte il tasto "Invia".

 © Sergio Simonetti 2001 Che cos'è Links